Descrizione

Ci sono dischi che sono come delle istantanee: fotografano l'attimo in cui sono stati composti e registrati.
Indivenire è qualcosa di diverso: un mosaico costruito tassello dopo tassello, un’accumulazione progressiva di momenti e sensazioni, l’avvicendarsi di esperienze di eventi anche contraddittori, di dichiarazioni di amore per la vita e scatti di rabbia di fronte all’illusorietà dei sogni.
I testi trasudano ambiguità e ambivalenza, passando dalla realtà cruda di Cravatte e Cucchiai all’afflato cosmico di Madre Universale, dal cuore del Tuo segreto, alla cinica interpretazione del rapporto tra uomo e donna di Solite Illusioni, dal misticismo innocente e istintivo di Canali e spirali e Il dono, al furore punk di Plexiglass e Apatica.
Le atmosfere si trasformano, ogni elemento cambia il suo stato per divenire un altro, così le situazioni spesso si capovolgono e diventano tentacoli, spire avvolgenti dalle quali è difficile fuggire.
Da un testo all’altro l’immagine stessa della …

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • mario de benedictis 31/03/2011 ore 20:36 @ugola

    c'è qualche problema in questo disco.
    andare a zappare?
    :=

  • Lago Nell' Avena 05/04/2011 ore 10:47 @lagonellavena

    ma per quanto ce li dobbiamo sciroppare?
    ma perchè non date spazio a qualcosa di più interessante?

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati