Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

“Amore e tùssi non si podiri cuai”

Questa frase sarda vuol dire che l’amore e la tosse non si possono nascondere. Nella fattispecie concreta del loro caso oltre all'impossibilità di occultarsi alle inevitabili conseguenze dell’amore, rilevo che anziché tosse loro non possono fare a meno di suonare e divertirsi per la propria musica. Il loro genere è noise rock sporcato dal punk che musicalmente ricorda il Teatro di Capovilla e Mirai. Nel Gennaio del 2012 a livello di produzione esce il loro primo ep omonimo. A proposito il loro nome è Whiu Whiu!! Fedele riproduzione onomatopeica del suono delle nostre labbra quando emette due fischi.

Aprono il loro lavoro con “L’abatjour” pezzo caratterizzato da un buon tiro che spicca anche per la raffinata lirica, cito per esempio parte del refrain “beata l’incoscienza nel seme del mio cuor”. Altra traccia significativa del loro lavoro secondo me è “L’amo in due” perché strutturalmente il pezzo è quello che si presta maggiormente alle loro incursioni live. Interessante anche il video di tale canzone realizzato con un collage di alcuni film horror retrò che rendono un dovuto habitat per il testuale stralunato. Il miglior pezzo del loro lavoro secondo me è “Orticaria”, pezzo dal groove fantastico e farcito dal testuale seducente “Icaro volle le stelle mai le toccherà..”.

Complessivamente un’ ottimo album d’esordio per questi “sardi terribili” che dovranno all'uopo confermare le premesse nel cd ufficiale. Che questa recensione sia un monito per i locali live che amano quell' indie un’po punk senza dimenticare l'attenzione poetica al testuale.

Leonardo Bartoli

Credits

Contacts : whiu.whiu@yahoo.it

Splitgigs : http://www.splitgigs.com/artists/whiu-whiu

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati