Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

La doppia anima del progetto sembra allestire un conflitto perenne e fruttuoso: mostruosa ibridazione tra un funk/rock preso per la cresta (quelle chitarre aspre e graffianti, quei bassi turgidi e screanzati), electro sottile e techno pulsante, col risultato di mimetizzare irrequietezza dietro la giocosità, un vibrare mnemonico che non trova pace mentre cerca quel centro di gravità (permanente) che gli è fisiologicamente negato. Puoi scorgere così spettri M.A.R.R.S. e Art Of Noise, l'Hancock robotico che sbrana technofunk, Santana divorato da spasmi e astrazioni digitali.

( Sentireascoltare.it )

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati