Cantautorato disperato ma non troppo

Filippo Dr.Panico, nasce in Basilicata nella provincia più fredda e brutale, dove per esorcizzare la mancanza di stimoli, spende ore e ore con gli amici in un garage in periferia. Grazie alla collezione di strumenti musicali del padre, che organizzava concerti di musica classica, inizia a suonare il basso e cantare le proprie canzoni punk, per poi passare alla batteria e poi alla chitarra, provando a tempo perso le canzoni di Venditti al pianoforte con i soliti amici e una cassa di Peroni, parlando di cinema, musica, libri e ragazze, ma con nessuna voglia di fare i compiti.
Nel 2008 si trasferisce a Roma dove dopo qualche anno e alcuni cambi di formazione inizia a suonare periodicamente come Filippo Dr.Panico.
Nel 2012 esce, aiutato dalla New Model Label, So’ Ragazzi, un disco registrato in casa, un disco di quelli con dentro tutto quello che ti passa per la testa senza stare lì a pensarci troppo, ma grazie al quale si fa notare a quello che poi sarà il suo pubblico e i suoi estimatori, che lo chiamano a suonare nei posti più disparati, costruendo poi poco alla volta tour da 40 date all’anno su e giù per L’Italia.
A gennaio 2016 è prevista l’uscita di Tu sei pazza, per la giovane Frivola Records. Il secondo album vuole essere più maturo e ragionato del precedente ed unisce una poetica ironica, arguta e romantica, con un attitudine prettamente punk, dando vita a una sorta di parodia della canzone italiana, passione sfrenata di filippo.
Di prossima ristampa anche il suo libriccino di poesie “Ci vorrebbe una notte: una raccolta di brevi poesiole su ‘femmine e bestemmie’” come recita il sottotitolo, e che vanno ad ampliare lo spettacolo dal vivo di Filippo Dr.Panico.