Gli ultimi cosmonauti sono una bella storia da raccontare, di amici virtuali e amici reali, spesso le cose si fondono e si confondono. Sono musicisti che in comune hanno l’amore per la musica e un approccio che li porta sempre a sperimentare e a non fermarsi entro i limiti stabiliti. Scavalcando la linea dell’orizzonte, attraversando il cielo, con una tuta sporca che non rappresenta il loro ego ma solo il loro sogno.
Si sono trovati sotto tanti palchi e talvolta sopra lo stesso. Hanno fatto tanti km in furgone perché credono nei sogni. Hanno le stesse ansie e gli stessi problemi. Insieme hanno voglia di scrivere qualcosa di nuovo. Di condividere del tempo, di condividere della musica. Sono la storia di una generazione, dei suoi luoghi di incontro reali e virtuali, dei suoi mondi e dei suoi modi di comunicare.
Con questo progetto vogliono liberarsi delle costrizioni a cui sono abituati e obbligati. Sono esploratori, che sognano la luna nelle loro tute spaziali.
Sputnik 2 arriva dopo due anni dall’uscita di Sputnik1 che conteneva le collaborazioni di: Manuel Bonini (The Grace), Dave Timson (The Afterglow), Umberto Provenzani (News For Lulu), Edoardo Arcuri (Victoria Station Disorder), Lorenzo Lombardi (Kaufman).