Jimmy Ingrassia - Libero testo lyric

TESTO

Sono nato scuro sfortunato di sicuro
In un paese dal destino troppo duro
In cui ogni giorno dormi accanto ad un fucile
Nell’attesa di fuggire immaginando di partire
e non tornare più
Ma chissà se poi conviene scegliere restare o lasciarsi naufragare dentro un mare sconosciuto
Pieno ormai di gente esanime, che vita in quelle anime
Nel tempo ha già fottuto, tanti fratelli miei
se tu immaginassi solamente tutto ciò che deve fare giornalmente la mia gente
per riuscire a respirare procurarsi da mangiare in una terra maltrattata, pavida, misera, arida,
forse solo allora tenderesti la tua mano bianca in maniera autentica
libera dall’interesse barbaro,
di chi pensa solo e solamente al dio denaro…

Libero Libero di fare
Senza paure, guerre e senza più disperazione
Libero Libero di andare
Perché la vita non sia un viaggio da dimenticare

Mentre finivo a bordo esaurivo i miei risparmi
Messi da parte con fatica in tutti questi anni
la speranza di quel viaggio erà così grande
che non esitai, ad affidarmi alle bande
migliaia di persone che ad ogni cavallone
il cuore sale in gola e vedi una donna sola
che stringe e che protegge nel suo grembo una creatura
fra piscio mal odore spoglia di ogni sua natura
accrocchi di barconi le urla della gente
mancano anni luce per comprendere la mente
per amare per capire annullarsi e perdonare
la follia del quel volere per la voglia di godere
la costa si intravede, la folla si dimena
e ancora questa donna attaccata alla mia schiena
mi sorride e tiene stretta la sua pancia nell’attesa
che non sia solo un miraggio o addirittura una pretesa

Libero Libero di fare
Senza paure, guerre e senza più disperazione
Libero Libero di andare
Perché la vita non sia un viaggio da dimenticare

E quando finalmente osservavi il suo sorriso
sospiro che nel viaggio ti teneva compagnia
Ti accorgi che il profondo dell’immenso non è altro
che un nemico maledetto che se l’è portata via
Però siamo arrivati benché disidratati, fradici, stanchi, secchi, stremati
in fondo soddisfatti dell’aiuto di lassù
Fosse Allah fosse Maometto fosse pure il tuo Gesù

Libero Libero di fare
Senza paure, guerre e senza più disperazione
Libero Libero di andare
Perché la vita non sia un viaggio da dimenticare

Questa è la storia del fratello africano
La guardi alla TV mentre mangi vegano
io invece mi vergogno mi dissocio e chiedo scusa
grazie Italia e grazie Lampedusa!

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Libero di Jimmy Ingrassia:

VIDEO Libero

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Libero si trova nell'album SOTTO I PIEDI DEI GIGANTI uscito nel 2015.

Copertina dell'album SOTTO I PIEDI DEI GIGANTI, di Jimmy Ingrassia

---
L'articolo Jimmy Ingrassia - Libero testo lyric di Jimmy Ingrassia è apparso su Rockit.it il 2020-10-14 22:54:47

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia