Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione

Si intitola “Solo” il secondo album degli Ovlov, il trio pop-wave bresciano composto da Luisa (Lu') Pangrazio, Luigi Ancellotti e Simone Cavagnini.
Ma in questo nuovo capitolo discografico c'è stato un altro grande protagonista: Andy Rourke, bassista dei leggendari The Smiths.
Il musicista britannico ha infatti svolto il ruolo di direttore artistico e produttore: l'incontro con Andy è avvenuto a Brescia, città dalla quale proviene la sua compagna (e cara amica della band) ed è stato un colpo di fulmine. E' nata immediatamente un'amicizia, trasformatasi poi in modo naturale in una collaborazione artistica. L'ex Smiths, dopo aver ascoltato i provini del nuovo disco e dato alcuni suggerimenti da New York (via Skype), nel marzo del 2014 è venuto in Italia per curarne la direzione artistica. Si è chiuso in studio con la band e con l'altro produttore artistico Lorenzo Caperchi per completare le registrazioni di “Solo”, fornendo un tocco unico con il suo gusto e la sua esperienza: ad esempio è suo uno dei giri di basso in “Menny”, così come la melodia al Fender Rhodes di “Sore”.

“Solo” include dieci brani non facili da incasellare in un genere, ma sicuramente contraddistinti da un'atmosfera pop-wave: ci sono le linee melodiche che da sempre sono il marchio del "gusto" Ovlov (ben riconoscibile fin dalle prime note), accompagnate da una linea ritmica talvolta più aggressiva e rock, in altri episodi più introspettiva e morbida. Nel disco, oltre a Andy Rourke, hanno suonato alcuni ospiti e amici della band fra i quali Xabier Iriondo (Afterhours) nel suo solo finale in Fall down, Daniela Savoldi con il violoncello in Hangover Cure e Giovanni Battagliola (Don Turbolento) con il moog in Hangover cure.
“Solo” è un disco che parla della difficoltà di adattarsi in un mondo che non vuole cambiare; di una città (Brescia) inquinata, sporca, malata della quale ci si lamenta ma non si riesce ad andar via; di persone sole in mezzo a tanta gente, individui che ripetono gli stessi errori e cadono nell'oblio. La grafica del disco è affidata a al noto disegnatore bresciano Biro, che come per il primo lavoro della band, è riuscito a sintetizzare, con le sue creature magiche, la musica degli Ovlov.
Il primo singolo scelto è “Delicious”, accompagnato da un videoclip girato da Moira Della Fiore in cui è presente lo stesso Andy Rourke nei panni di uno 'strano' appassionato di ricette.

Credits

OVLOV
Luisa (Lù) Pangrazio • guitar – vocals
Luigi Ancellotti • bass
Simone Cavagnini • drums - backing vocals - glockenspiel

Guests

Andy Rourke •
fender rhodes on sore
second bass on menny
second guitar on Just taking a while to blossom, sore, fall down, It’s not a good feeling

Xabier Iriondo (Afterhours)•
- solo guitar on fall down

Daniela Savoldi •
- cello on Hangover cure

Giovanni Battagliola •
- moog on Hangover cure

Lorenzo Caperchi
• gLockenspiel on Sore




ARTISTIC DIRECTION: ANDY ROURKE
ARTISTIC PRODUCTION: ANDY ROURKE, LORENZO CAPERCHI
ARTWORK: BIRO www.oziolab.it
Mixed, recorded & mastered @ Red Carpet (Lorenzo Caperchi)
Producer: Federico Brioni & Ovlov

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati