Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

"Diamante", il nuovo album di Santiago in uscita il 28 ottobre 2014.
Pre-order iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/diamante/id919438929
Video "Come un respiro dopo l'apnea": http://www.youtube.com/watch?v=p2cbhnXn35M

"L' amore è un Diamante…"
Il mio nuovo album inizia con questa frase. E' un concetto complicato da esprimere a parole anche perché racchiude parecchi significati. Per esempio ho pensato a un diamante nel suo stato grezzo, opaco e ancora privo del suo reale valore, affidato alla maestria di chi lo intaglierà e porterà quel diamante all'apice del suo splendore. Oppure pensiamo al colore: il diamante non ne ha uno specifico, ma ne assume diversi a seconda della luce che riflette e dall'angolazione dai cui viene guardato.
Tutto questo assume un carattere incredibilmente profondo se riferito all'amore: un amore che ha bisogno di costanti attenzioni e cure per nascere e continuare a splendere nel tempo, che cresce e cambia assieme a noi.
"Diamante" è chiaramente un disco d'amore, ma ciò non significa che tratti argomenti piacevoli o banalmente sdolcinati. C'è una frase contenuta in una delle canzoni che dice: "parlerò dell'amore assoluto che ricopre distanze infinite… anche poi dell'amore perduto che muto separa una vita in due vite". Credo che basti questa frase per dedurre che il "viaggio" musicale e mentale che s'intraprende ascoltando questo disco non è scontato. "Diamante" contiene l'esatto contrario delle frasi che si ha voglia e che ci si aspetta di sentir dire: è un inno alla riflessione, ho cercato di dare luce a sentimenti che spesso non vengono presi in considerazione.
Ho iniziato a scrivere il mio nuovo album con l'intento di stupire chi l'avrebbe ascoltato… alla fine mi sono ritrovato stupito in prima persona del risultato finale, è il prodotto che ho sempre sognato di realizzare. Il mio background musicale non si basa unicamente sul rap, anzi, a dire il vero sono anche un grande estimatore della musica leggera e della sua storia. Sono un cultore delle parole, di conseguenza cantanti come Franco Battiato, Francesco De Gregori, Fabrizio De Andrè sono stati degli importanti punti di riferimento per la mia crescita artistica.
Sentivo crescere prepotentemente in me l'esigenza di dar vita a un album che potesse creare un perfetto equilibrio tra l'aggressività, la profondità e la purezza del rap e la poetica, la melodia e l'intensità che ha sempre contraddistinto la musica leggera italiana.
Il fatto che quasi tutte le produzioni siano affidate ai Retrohandz è uno degli aspetti che più caratterizza quest'album: nonostante ogni strumentale abbia il suo stile e un suo determinato mood, il mix musicale è compatto, amalgamato alla perfezione. E' un viaggio che inizia in un modo per finire in tutt'altro, ma che per tutta la sua durata segue sempre una linea ben precisa.
Sulla copertina dell'album il mio volto è ricoperto da una superficie riflettente proprio quasi fosse un diamante. Volevo fosse chiaro che questo disco è il risultato di ciò che ho assorbito in questi anni, delle esperienze fatte, di tutto quello che inconsciamente mi avete insegnato, delle carezze e dei pugni presi, dei vostri complimenti e delle vostre critiche, della capacità che avete di rendere tutto così prezioso.
Volevo fosse un Diamante che brilla riflettendo la vostra luce.

Credits

Tutte le strumentali sono prodotte dai Retrohandz, tranne "Accanto a te sarei" prodotta da Big Fish.

L'album e mixato e masterizzato dallo stesso Santiago e da Valentino Martina dei Retrohandz.

Label: 40 Riot
Edizioni Musicali: Dagani Edizioni Musicali / Emi Music Publishing Italia

Commenti (1)

  • Baldo Rizzi 23/10/2014 ore 20:36 @baldorizzi

    Un fottuto genio...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati