Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione

“Zuma nasce per caso, come spesso accade. Incontri fortuiti, stima dell'altro, bisogni comuni di espressione. La sete di ''essere suono'' attraverso i suoni. La sala prove come tempio assoluto, lavorare con lentezza. Tre uomini e il loro silenzio, forse timidi, forse ammaliati da quell'idea di suono. Sette brani che nascono immediatamente, dopo sole 3 ore. Come fiori nel deserto. Non le cercavamo. Tre uomini diventano cinque. Diversi e identici. Affinità umane e chimica assoluta. Meno è più, lo scopriamo svuotando i brani fino a portarli al nucleo di ciò che vogliono comunicare. Ecco la nostra privatissima orchestra della polvere.”
Nove brani intimi, limpidi e rabbiosi. La storia di LESS IS MORE è parallela a quella degli Zuma stessi; anzi, probabilmente la band decide si consolida proprio per dare vita a questo disco.
Le composizioni di Less is more, nascono in sala prova, semplici appunti da completare in fase di registrazione ed ascolto. Il primo nucleo della band, Dino Gigliuto, Giuseppe Lombardo e Mauro Felice sceglie quindi lo Zen Arcade studio di Marcello Caudullo, inizialmente coinvolto solo in veste di produttore e fonico, dove il disco prende forma.
Sette dei nove brani che compongono l’album, rimasti a lungo delle bozze maturano man mano con la collaborazione di Marcello che per primo imbraccia i suoi strumenti per colorare alcuna parti, di Tony del Mastro che regala la sua tromba in "son of a beach" e di una quantità industriale di lapsteel che Carlo Natoli (Gentless3) lascia dicendo "usate quelle che volete, scegliete le migliori". Anche le voci sono state aggiunte man mano.
Diversa invece la “nascita” di Rain song e Ourselves. Rain Song nasce da un appunto registrato nel bagno di casa di Giuseppe durante una piovosa notte insonne; editato poi da Marcello e cantato da Dino il brano si è praticamente autocomposto. Ourselves invece è un lungo intro con cui si aprono i concerti di Zuma che è stato registrato dal vivo alla Lomax da Luca Recupero.
La lunga gestazione dell’album non dipende dalla ricerca di chissà quale perfezione, le sezioni di registrazione, i missaggi, gli ascolti sono stati piacevolmente dilatati nel tempo, messi quasi a decantare in attesa del momento giusto per essere assaporati.
Il titolo del disco “Less Is More” è una massima di Mies Van Der Rohe da lui riferita al design e sposata dagli Zuma che aspirano ad una vita priva di tutte quelle cose inutili che la logorano senza aggiungerle valore.

Credits

ZUMA è:
Dino Gigliuto guitar /vocals
Giuseppe Lombardo guitar / vocals / castanets
Marcello Caudullo keyboards / guitars / vocals
Gabriele Timpanaro bass / double bass
Ezio Mongiovì drums / harmonica / back vocals

All drums recorded by Mauro Felice except for track 9 by Ezio Mongiovì
Trumpet on track 2 recorded by Tony Del Mastro
Lapsteel on track 3, 6 by Carlo Natoli

Recorded and mixed at Zen Arcade Studio, Catania by Marcello Caudullo and Sebastiano D’Amico except for track 9 recorded live by Luca Recupero at La Lomax, Catania.
produced by Marcello Caudullo

Graphic design and illustrations: Giuseppe Lombardo

 & © 2014 The copyright in this sound recording is owned by VICEVERSA RECORDS

Commenti (1)

  • fabrizio cuornero 26/03/2014 ore 00:58 @cuornero

    se vi piacciono i Guano Padano, questi sono altrettanto bravi....

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati