Leggi la recensione

Descrizione

Frutto di un lungo e appassionato lavoro di scrittura prima e di accurata produzione poi, L'ALIENO è un disco di pietra, di rame e di velluto. C'è un'ispirazione originaria e comune a tutti i brani, poi il flusso narrativo si sgrana in undici direzioni diverse, indagando società, coppia, anima, peccato e redenzione, assecondando ora la pancia ora il cervello ora il cuore in un delta di fiume che per quarantotto minuti spinge tutti i suoi rami verso la catarsi del mare.
L'ipnotica intensità dei testi è drammatizzata dalla timbrica calda ed eclettica di Andrea Negro, capace di spigoli e rotondità, lirismo e crudezza, una voce che guizza agile tra sonorità vintage-rock, echi psichedelici e folk e blues, pieni e vuoti in cui spiccano gli impasti agrodolci di Telecaster e Les Paul, la ruvida brillantezza del Vox, la compattezza profonda della ritmica, la forza e la leggerezza dei sassofoni.
L'ALIENO è un disco diverso, aspro, delicato e potente, una cascata emozionale da seguire ad occhi chiusi con lucidità e incoscienza.

Credits

Registrazione e mixaggio: Andrea "Cajo" Cajelli presso La Sauna Recording Studio di Varano Borghi (VA)
Masterizzazione: Giovanni Versari presso La Maestà Mastering Studio di Tredozio (FC)
Illustrazioni: Tiziana Pesenti
Progetto grafico: Michele D'ambrosio

Testi e musiche: Andrea Negro
Voci, chitarre acustiche, chitarra elettrica e armonica: Andrea Negro
Chitarra elettrica: Christian Tetteroo
Bassi elettrici: Maurizio Gallazzi
Batteria: Fabio Ponzelletti
Hammond, piano elettrico e percussioni: Corrado “Ray” Giunta
Sax tenore e soprano: Max Mantovani
Chitarra slide: Luca Pirali

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati