Disco della settimana
album Trance44 - Appaloosa

Appaloosa Trance44

Black Candy Records / Audioglobe
2014 - Strumentale, Psichedelico, Elettronico

   

Descrizione

Trance44 è il quinto album degli Appaloosa, il secondo per Black Candy Records. Finito il tour di The worst of saturday night – Musica per energumeni del sabato sera (2012), Niccolò Mazzantini e Marco Zaninello si chiudono nel loro studio Orfanotrofio a Lorenzana (PI). Qui i due lavorano per tutta l'estate 2013 al nuovo disco e, rielaborando innanzi tutto le idee partorite durante l'inverno, cominciano a dare forma ai primi brani. Definiti questi, iniziano le registrazioni e successivamente i missaggi, che si concludono a metà settembre. Per la prima volta dunque un disco degli Appaloosa è composto e suonato esclusivamente dai due elementi ormai più "anziani" della band. Trance44 è anche il primo disco a essere interamente registrato dalla band, in particolare da Niccolò Mazzantini, che coordina le registrazioni e si occupa del missaggio. Il mastering invece è opera di Antonio Castiello, già al lavoro con il gruppo per il disco precedente.

La band livornese attualmente è composta da Niccolò Mazzantini, Marco Zaninello, Dyami Young e Diego Ponte – che dall’estate 2013 sostituisce Michele Ceccherini, al basso per cinque anni. Tra i collaboratori di questo quinto album figurano Simone Di Maggio, Rico (Uochi Toki) e Marina Mulopulos.

L’espressione Trance44 in principio nasce per dare un riferimento a uno dei nuovi brani. Successivamente diventa il titolo dell’intero album perché rispecchia l'idea che la band vuole trasmettere con questo lavoro: una linea sonora legata all'ipnosi e alla psichedelia, con canzoni basate su ritmi e melodie di batteria e basso ossessive, serrate e dinamiche, contornate da sintetizzatori e da campionamenti con influenza orientale e alternate a passaggi più atmosferici.

Come The worst of saturday night – Musica per energumeni del sabato sera, Trance44 è concepito come se si trattasse di una sola canzone che cambia di intensità e ambientazione per tutta la sua durata, concetto che gli Appaloosa cercano di riprodurre nei loro live.

Leggi la recensione Video in questo album (1)

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • Huliganz 16/01/2014 ore 19:39 @Huliganz

    fantastici!

  • bug81 20/01/2014 ore 13:19 @bug81

    perdonate lo spam, so che può essere fastidioso, è che purtroppo la musica psichedelica/strumentale come la nostra, viene spesso snobbata. nulla di personale.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati