Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

A meno di un anno di distanza dal grande impatto di "Too Many Late Nights", acclamato da pubblico e critica e che ha portato la band in tour in Italia e all'estero (fino allo Sziget Sound Fest), ecco la nuova release della band "punkromantic psychoblues": cinque brani ad alto voltaggio, che fremevano per venire alla luce e che suonano come la vecchia NY Alphabet City: un mix di follia, sesso e fughe attraverso strade rischiarate dall'alba di un mattino dopo una notte che non può essere raccontata".
Con “Early Morning Dyslexia”, Black Eyed Dog riaccende il proprio vortice elettrico per andare ancora più in profondità, con un lavoro sulla precarietà dei sentimenti, l'istintività e l'abbandono, sul valore e la solennità delle scelte.

L’ep Early Morning Dyslexia è sin dal titolo la prosecuzione naturale e azzeccata di una strabiliante evoluzione del progetto, iniziata con il precedente Too Many Late Nights, album che aveva segnato il passaggio di Black Eyed Dog da songwriter solista (due dischi all’attivo con Ghost Records) alla attuale formazione a tre. Sia in fase compositiva che nella performance live il suono si è arricchito di magnetismo e audacia, in un mix indecifrabile che per molti rappresenta una forma genuina di “sciamanesimo punk”.

Credits

Line Up:
Fabio Parrinello : voce, piano, casio sk1, mandobird | Alessandro Falzone: batteria, chitarre, percussioni | Anna Balestrieri: chitarra, piano, voce, cigar box
Credits:
Prodotto, registrato e mixato da Fabio Rizzo e Black Eyed Dog negli 800A Studios, Palermo. Assistente di studio Francesco "Spreca Calore" Vitaliti. Masterizzato da Hannes Jaeckl.

Commenti (7)

Carica commenti più vecchi
  • Alessandro Drake 10/04/2013 ore 15:57 @AlessandroDrake

    sarò di parte ma qui ad ogni album si migliora.
    e con too many late nights eravamo già a livelli altissimi!
    complimenti!!!

  • JackLemon 10/04/2013 ore 18:48 @JackLemon

    Non vedo l'ora di vederli al MIAMI!

  • JulianRoss 10/04/2013 ore 19:32 @JulianRoss

    ah ma ci saranno allora... infatti mi sembrava assurdo non averli ancora letti tra i nomi della lineup annunciata fino ad oggi! tra i migliori 5 live in Italia senza il minimo dubbio

  • DistortedGhost 14/04/2013 ore 08:31 @DistortedGhost

    la solita solfa stile J.spencer Banhart J.White e deformazioni blues che da Waits in poi conosciamo abbastanza, stantio e noioso non mi piacciono.

  • lelu 17/04/2013 ore 18:51 @lelu

    Bravi!
    Ancora una volta Bravi!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati