Claudio Gramegna - Ascolta e Testo Lyrics Il flauto di Pan

Brano

00:00
 
00:00

Descrizione Il flauto di Pan

Melodie antiche, paesaggi lontani e la luna: l’incontro, lo scontro e il coraggio di voltarsi.

Testo della canzone

Dopo giorni d’allegria, dopo tanta ipocrisia
Ho pensato solo a te e ho tanta voglia di ripartire.
Tra le strade di un bazar, due bicchieri all'osteria,
Ho lasciato andare via il mio passato di prigionia.
Il mio viaggio cominciò osservando gli occhi tuoi
Sorridendo ai giorni tuoi e poi sperando che siano i miei,
La tua ombra mi fermò prima di fermare te
E dal buio incominciò a rimembrare quella melodia:
Le note da un flauto di pan a pochi passi attorno a te
E una carrozza sulla via a richiamare la malinconia,
La luna alta e il cielo blu sopra i capelli e la foschia
Lanciava un grido dentro te poi una catena ti ha legato a me.
Poi l’Oriente mi cercò con immagini dall'est,
Tra profumi ed utopie, tra culture e fantasie
La tua ombra mi fermò e pensai di nuovo a te
E quella notte incominciai a rimembrare quella melodia.
Le note da un flauto di pan a pochi passi attorno a te
E una carrozza sulla via a richiamare la malinconia:
La luna alta e il cielo blu sopra i capelli e la foschia
Lanciava un grido dentro te poi una catena ti ha legato a me.
Una sera ritornai su due piedi all'osteria,
Tra le strade di un bazar io ritrovai la mia prigionia:
Fermo e immobile pensai ai tuoi occhi e al grido che
Quella luna lanciò in te voltai le spalle e me ne andai.

Album che contiene Il flauto di Pan

album Cosa Credi - Claudio GramegnaCosa Credi
2012 - Cantautore, Pop rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati