Il corso delle cose Avvoltoi Ascolta e Testo Lyrics

Brano

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00

Credits Avvoltoi

IL CORSO DELLE COSE:
Ascanio Ciriaci (chitarra elettrica, chitarra acustica, slide, tastiere, armonica, cori, voce),
Marco Vigliotti (basso, programmi, tastiere, cori).

COME STAI è stato composto (testi e musiche) da Ascanio Ciriaci, ad eccezione dei brani: NAVIGATORI (testo e musica di Marco Vigliotti), IL SUICIDIO DELLA RAGIONE (testo di A. Ciriaci, musica di A. Ciriaci e M. Vigliotti), FUORI DI ME (testo di A. Ciriaci, musica di A. Ciriaci e M. Vigliotti); arrangiato da IL CORSO DELLE COSE; suonato da IL CORSO DELLE COSE con la partecipazione di Antonio D’Antuono (chitarra elettrica), Flavio Di Giuseppe (batteria); registrato nel luglio del 2014 da Valerio Lundini presso il Black Tape Studio e da Alessandro Pizzonia presso La Cattedrale (batteria); mixato tra il dicembre del 2014 e il febbraio del 2015 da Alessandro Santori; masterizzato nel marzo del 2015 da Claudio Gruer presso il Pisistudio.com; le immagini dell'album sono tratte dall'opera "La relatività del tempo" (olio su tela) di Rocco Pascale; le fotografie sono di Elena Cupisti; il progetto grafico è stato ideato e realizzato da Marco Vigliotti.

Prodotto da IL CORSO DELLE COSE

Grazie a Valentina e a Elena per aver supportato e sopportato tutte le fasi del lavoro; grazie a Paolo Messere, alla Seahorse Recordings e a tutti coloro che, a vario titolo e in modi diversi, hanno collaborato alla realizzazione dell’album; grazie a chi, nel bene e nel male, ha contribuito a far diventare Il corso delle cose ciò che è oggi; grazie a tutti quelli che continuano a seguire e a supportare il progetto con affetto e amicizia; grazie a Tito, al quale è dedicato l’album.

Etichetta:
Seahorse Recordings
Data di uscita:
25 settembre 2015

Testo della canzone

AVVOLTOI
Ho creduto fosse inevitabile
dire certe cose alla mia età
e non ho mai pensato di nascondermi,
né di mascherare la realtà,
dietro a una parvenza di imparzialità,
per garantirmi una tranquillità,
perché non ho niente da difendere,
a parte un briciolo di dignità.

Planano come avvoltoi
sui cadaveri dei tuoi eroi
e hanno divorato ormai
tutto ciò che era per noi.

Quando, di ritorno dal tuo esilio
volontario, qui ripasserai,
a ridere di gusto mi ritroverai
di ciò che spacciano per novità,
mentre intanto si continua a vivere,
sottomessi a delle nullità,
immaginando di sentire piangere
i maledetti figli di papà.

Bisogna mantenere la lucidità,
per rimanere quello che si è,
per non abbandonarsi senza remore
a tutto ciò che logico non è.

Album che contiene Avvoltoi


Vai all'album Vai alla recensione

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Pannello

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani