Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione a cura della band

Si può mettere tutto in una canzone ? " la canzone deve essere un mondo ".
Rubando a Gustav Mahler la definizione della propria musica, sostituendo sinfonia con canzone , Daniele Faraotti apriva così le note all'album Canzoni in Salita ( Bombanella records 2012 ).
Dopo la parentesi In Cage's Shoes ( exit from the cage - 2014 ), anche per English Aphasia e in particolare per la stesura di alcune canzoni , quest'immagine del mondo che si palesa nella varietà degli elementi musicali rimane - tuttavia un approccio diverso guida la composizione di altre canzoni - alcune nascono da improvvisazioni. Si è voluta mantenere inalterata la musica nata spontaneamente alla prima esecuzione : improvvisazioni senza schemi se non uno straccio di " giro " anch'esso colto al volo ; un beatloop, la melodia, un testo/nonsense cantato in english grammelot - l'inglese " afasico " che tante prime stesure di canzoni accompagna.
Un pò di tempo in più ha richiesto la messa a punto degli arrangiamenti che hanno il difficile compito di non alterare nella sostanza la prima stesura .
Solo una canzone ha un testo in italiano - Sea Elephant, parodia del tricheco lennoniano - una canzone riletta allo specchio : ciò che sale nel walrus qui scende ; ciò che è maggiore qui è minore ; il testo si muove parodiando John per immagine opposte.
“A song must be like the world. It must contain everything”
After stealing the quote from Gustav Mahler for his own definition of music, (changing symphony with song) Daniele Faraotti opened his album Canzoni in Salita (Bombanella records 2012).
After a brief pause with In Cage’s Shoes (exit from the cage – 2014), the concept of musical elements revealing a whole world remains present in the songs of English Aphasia. Even though the process is different, the spontaneous and improvised features of the songwriting still remain. The music is left untouched in its spontaneous state from the first performance: unplanned improvisations with an impromptu chord progression. Beatloop, melody and nonsense lyrics sung in gromalot English – an aphasic English of first drafts. The development of arrangements aiming to leave unaltered the first draft has proven to be quite time consuming.
There is only one song in Italian - “Sea Elephant” a parody of Lennon’s “I am the walrus”. What is high in the “walrus” song goes low in this version. The lyrics of this version is a parody of Lennon’s song juxtaposing opposite images.

Credits

Valeria Sturba : Theremin , cori glissati e violino in SEA ELEPHANT ; Paolo Raineri : Tromba Flicorno in I GOT THE BLUES, ENGLISH APHASIA, LEONORE SPRACHE ; Simone Pederzoli : Trombone in english aphasia, i got the blues, leonore spreche; Luca Fattori : cori in Between for a day trust ; Daniele D'Alessandro : clarinetto in Between for a day Trust; Filippo Faraotti : cori in sea elephant.
Composto , arrangiato, cantato e suonato da Daniele Faraotti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati