Daniele Fortunato - Barafonda testo lyric

TESTO

Fine aprile del '43
tra le prime luci
il sole trema e affonda,
resta giù

Sfiata una balena che non sa
porta a riva la sua vita
a Barafonda,
come fai tu...

Ma come tira la gente la corda,
nel fango del proprio timore non pensa,
che ognuno ha il suo mostro
che invece di odiare
dovrebbe lasciare,
libero nel mare

Pronte le mitraglie
ha l'uomo forte,
spegne le paure e dona morte
e piange tardi,
tra i ricordi

Ti ho incontrata
un giorno a Barafonda,
coda di balena immensa
sopra un'onda,
perdonaci...

Ma come tira la gente la corda
nel fango del proprio timore non pensa
che ognuno ha il suo mostro
che invece di odiare
dovrebbe lasciare,
libero nel mare...

Di colpo il tempo si è fermato,
la folla col capo chinato,
adesso l'uomo può imparare,
forse

E in questa notte di tempesta,
nel vento un pianto alla finestra,
contro gli scogli sbattono
onde corte rosse

Ti ho incontrata
un giorno a Barafonda,
coda di balena immensa
sopra un'onda

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Barafonda di Daniele Fortunato:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Barafonda si trova nell'album Quel filo sottile uscito nel 2020 per Believe Digital.

Copertina dell'album Quel filo sottile, di Daniele Fortunato
Copertina dell'album Quel filo sottile, di Daniele Fortunato

---
L'articolo Daniele Fortunato - Barafonda testo lyric di Daniele Fortunato è apparso su Rockit.it il 2021-10-29 10:10:51

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia