Rockit logo
album Bitten by the devil Emma Morton & The Graces

Emma Morton & The Graces Bitten by the devil

compra

22R 2018 - Cantautoriale, Folk, Blues

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

E' uscito l'11 maggio “Bitten by the Devil” (Edizioni Musicali 22R), l'album della cantante e
songwriter scozzese Emma Morton con la sua band Emma Morton + The Graces.
Anticipato dall'uscita del singolo "Why Fall" lo scorso 19 aprile, l'album è disponibile su tutte le piattaforme
digitali - tra cui Spotify e iTunes.
Un album ricco di ospiti e collaboratori noti come Raphael Gualazzi che ha sposato in pieno il sound della
band nel brano “Dirty John”, il contrabbassista Gabriele Evangelista, il Grammy Award statunitense Gene
Paul, Antonio Gramentieri e Matteo Buzzanca.
Le scure, sexy e spigliate canzoni-confessioni di un'emancipata Emma Morton hanno trovato voce in questo
nuovo disco: un viaggio sperimentale dove i mondi contrastanti d'amore e odio, paura e desiderio,
oppressione e libertà sono esposti, celebrati e presentati con un sound contaminato che trasuda di
sapori jazz, roots, popular e Scottish folk.
Emma definisce questo lavoro un “war-cry record” (grido di guerra), scritto e prodotto dalla cantautrice
scozzese e dalla sua band The Graces formata con il batterista Piero Perelli e con il chitarrista Luca
Giovacchini.
Il progetto nasce dopo un lungo viaggio personale e artistico: Emma ha conquistato il grande pubblico
durante la sua esplosiva partecipazione all'ottava edizione di X Factor, arrivando in semifinale dove ha
presentato il suo inedito “Daddy Blues” pubblicato da Sony Music e conquistando il 2° posto delle
classifiche iTunes con oltre 240mila ascolti su Spotify. Da allora la musicista scozzese ha continuato il suo
percorso ricevendo premi e riconoscimenti tra cui il "Music is Great Award" conferitole nel 2015 dal governo
inglese, e collaborando ed esibendosi con artisti come Olly Murs, Paolo Nutini, Raphael Gualazzi, Glen
Hansard, Gary Lucas, Petra Magoni, Alejandro Escovedo e DJ Molella.

Con la sua voce piena e graffiante, Emma compie una vera e propria esplorazione fra culture musicali
partendo dalle tradizioni della sua terra, la Scozia, fino alla sua passione per la musica afroamericana.
"Sono passati quattro anni dalla mia esperienza a X-Factor, è buffo perché molti vedrebbero questo
momento come una fine, per me invece è stata una rinascita: questo disco è una raccolta di confessioni di
una donna che ha trapassato inferni interiori ed esteriori, accogliendo le fiamme per tirare luce sulla lunga
strada verso la sopravvivenza e la consapevolezza. Questo album, per me, è una vera emancipazione da un
passato governato dall'insicurezza, violenze ed oppressioni. Come donna e come madre, voglio volermi un
pochino più bene e questo disco, il lavoro che ho fatto con i Graces, in qualche modo, è stato il portale ad
una nuova libertà e al voler vivere senza paure, ma con amore, dedizione e tanta grinta."
La band Emma Morton + The Graces, che ha concluso il 2017 con una stagione di sold-out in teatri, club e
festival italiani, ha inaugurato dal 19 aprile il Bitten by the Devil Tour fitto di concerti tra Italia, Inghilterra,
Francia e Slovenia. Tutte le date sono visibili al link http://www.emmamorton.it/tour-dates/.
Durante le performance le improvvisazioni cariche di emotività ed il
dialogo spontaneo ed autentico tra i musicisti va al di là dell'esecuzione musicale, trascinando il pubblico in
una esperienza intima e coinvolgente.
La band segue il filone cult dell'attenzione alle sonorità vintage e alle procedure analogiche: ad aprile 2018
presso lo studio Sam Recording Studio di Mirco Mencacci (Lari - Pisa) è stata registrata insieme a Raphael
Gualazzi una nuova versione del brano "Dirty John" con la tecnologia Direct To Vinyl (https://www.youtube.com/watch?v=h-cYBAEwouM) che prevede una
sessione di registrazione direttamente sulla lacca del vinile, senza mediazioni tecnologiche e senza
possibilità di editing. Il mix acustico curato da Andrea Ciacchini, non ha coinvolto alcun fader o
potenziometro, ma è stato ottenuto tramite un opportuno posizionamento delle sorgenti sonore rispetto al
microfono.

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Pannello

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani