Leggi la recensione Video in questo album (3)

Descrizione a cura della band

"Per quello che sono": esordio discografico di Ghita.
Il lavoro della giovane artista si compone di undici brani, storie sull’amore in tutte le sue forme, raccontate da una voce e con uno stile che oscillano tra la canzone italianissima e ritmi blues e folk. Una creazione ricca di ironia e sentimento, frutto di un percorso forte e determinato, di un lungo lavoro che viene da anni di esperienza, nel corso dei quali, la vigorosa e singolare voce della Casadei non ha mai smesso di coniugare differenti generi ed espressioni.

Credits

Per quello che sono – autoproduzione - Ghita (2013)

Testi e musiche di Ghita Casadei, ad eccezione di “Come pioveva”, di Armando Gill.

Registrato da Pietro Casadei al Nowhere Studio, Gli Artigiani e Home studio B&C.
Missato da Maurizio Loffredo e Pietro Casadei – Gli Artigiani (RM),
ad eccezione de "La ballata dell'amore", missato da Daniele Falletta – Mono Studio (MI).
Masterizzato da Daniele Sinigallia – Gli Artigiani Studio.
Prodotto da Ghita Casadei e Pietro Casadei.
Arrangiato da Ghita Casadei, Pietro Casadei e i "Piccoli Pacchetti Perduti".

I “Piccoli Pacchetti Perduti” sono:
Simone Battista, chitarra elettrica, chitarra acustica, banjo
Emanuele Frascà, basso
Daniele Russo, batteria

Hanno inoltre suonato:
Pietro Casadei, programs&Sinth
Flavio Guarnieri Pasquetto, pedal steel guitar su "Come pioveva"
Duilio Galioto, pianoforte, wurlitzer, toypiano

Ghita, voci, chitarra acustica, chitarra elettrica, ukulele, carabattole

Concept &Grafica: Alessandro Butera, Emanuele Frascà

Tracklist:

1. La donnina conturbante
2. Mio bel fior
3. Mani di sabbia
4. Girotondo delle tre
5. Come pioveva
6. La ballata dell'amore
7. Nascondersi
8. Per quello che sono
9. Amore e di più
10. Volubile
11. La passatista

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati