Giò DeSfàa - Ascolta e Testo Lyrics La peppa

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

(Testo e Musica di Gioele Di Stefano)

Birra sbrufada in sol tavul
lengua inculada al bicér
sguardo picà cuntra'l soci per quatà quel che chi
mi podi vedè

Quanti omm che 'emm scartà
e quanti donn che podum mia rifiutà
quanti du de picch che ho ciapà
e quanti coer che ho mai culurà

Ho semper sugnà una dona anca gunfiabil
ma speravi mia de caart

El legn che taca cume la cola
umidità che par de vèes a New Orleans
mesag d'amour intaglià, desmentegà ma mia par lè
perché ma l'è la vöri mia fra i mè diit

La Peppa, la Peppa, e quanti caart semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, un mazz in sci grand, semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, e gira gira e turna sempre i ‘sti man
La Peppa, la Peppa…

Dona de picch che spariis dai me man
sari la boca ma me scapa un suriis
a podi mea nascun la soddisfaziun
de liberam de questa dona de caart

Po-Poker Face l’è restà lì de saas
cungelada la sua espression
“l’è minga moort scià finissum el giir”
g’ho de pescà, podi mia sbaglià

Ho semper sugnà una dona anca gunfiàbil
ma speravi mia de caart

La Peppa, la Peppa, e quanti caart semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, un mazz in sci grand, semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, e gira gira e turna sempre i ‘sti man
La Peppa, la Peppa…

Lassa che ‘l veent messeda ‘l maaz quan che bufa dal lagh
Svalza i vestii de la Madona, fa cantà anca i baarc e vulà i bandièr

La Peppa, la Peppa, e quanti caart semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, un mazz in sci grand, semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, e gira gira e turna sempre i ‘sti man
La Peppa, la Peppa…

---------------------------------------------------------------------

Traduzione - La Peppa

Birra spruzzata sul tavolo
Lingua incollata al bicchiere
sguardo fisso sull’amico per nascondere quel che
qui io posso vedere

Quanti uomoni che abbiamo scartato
e quanto donne che non possiamo rifiutare
quanti due di picche che ho preso
e quanti cuori non ho mai colorato

Ho sempre sognato una donna, anche gonfiabile
ma speravo non di carta

Il legno attacca come la colla
umidità che sembra di essere a New Orleans
messaggi d’amore intagliati e dimenticati
ma non per lei perché non la voglio fra le mie dita

La Peppa, la Peppa, e quante carte sempre questa donna fra le mani
La Peppa, la Peppa, un mezzo così grande, sempre questa donna fra le mani
La Peppa, la Peppa,e gira gira e torna sempre in queste mani
La Peppa, la Peppa…

Donna di picche che sparisce dalle mie mani
chiudo la bocca ma mi scappa un sorriso
non posso nascondere la soddisfazione
di liberarmi di questa donna di carta

Poker Face è rimasto lì di sasso
congelata la sua espressione
“Non è mica morto, su, finiamo il giro”
devo pescare e non posso sbagliare

Dona de picch che spariis dai me man
sari la buca ma me scapa un suriis
al podi mea nascun la soddisfaziun
de liberam de questa dona de caart

Ho sempre sognato una donna, anche gonfiabile
ma speravo non di carta

La Peppa, la Peppa, e quanti caart semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, un mazz in sci grand, semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa

Lascia che il vento mischi le carte quando soffia da est
Alza i vestiti della madonna, fa cantare le barche e volare le bandiere

La Peppa, la Peppa, e quanti caart semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, un mazz in sci grand, semper sta dona fra i man
La Peppa, la Peppa, e gira gira e turna sempre i ‘sti man
La Peppa, la Peppa…

Album che contiene La peppa

album Pécc sota 'l técc - Giò DeSfàaPécc sota 'l técc
2013 - Cantautore, Folk
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati