Giò DeSfàa - Ascolta e Testo Lyrics Sciur di pécc

Brano

00:00
 
00:00

Credits Sciur di pécc

Programmazioni: Davide 'Billa' Brambilla

Testo della canzone

(Testo e Musica di Gioele Di Stefano)

Lüs che la dunda, umbrìa che la se slunga,
umbìa che quata tüt e 'l me coer l'è cume un trun:
trun che 'l pica, mür che 'l trema,
mür che 'l se incruscia in duve 'l pica mia la lüs.

Bàuli, baùli, panetùn e paracàr,
panetùn impulverà lassà lì de un quaj Natàl.
Natàl, la Madona, San Giusepp e tucc i sant,
sant e brigant vestì dumà di lor müdand.

Una trumba vegnu' dalla Russia, una spada dalla Terra de Mezz,
un par de cupertòn sciupà e dalla Turchia l'ha purtà scià anca un fezz.

Sciur di pecc, perché questa rüdera l'è mai bòon de trala via
Sciur di pecc, pröva a cambiala ma questa è la sua filosofia.

Stivaj de John Wayne, un'Olivetti scià dal Maine,
la vernìs, i benìs e valìs de pell de bìss,
popp a tocc tirà insema cun lo scotch
a balà 'l casatchok sö'l cruscòt de un centvintòtt

Facebook, email, nickname e double v
"capissi piu 'na gott quan che salta föra un cü",
perdü ne l'internet per trüvà un quajcoss su eBay
"diventi màtt vöri turnà ai oh bej oh bej"

La frusta de Indiana Jones, la mantella de Sherlock Holmes
ul cumpàs del capitano Nemo, la ghitara del re del rock

Sciur di pecc, perché questa rüdera l'è mai bòon de trala via
Sciur di pecc, pröva a cambiala ma questa è la sua filosofia.

Anca a mò vegni su e quan dervissi chela porta
vöja de vès fiö, la senti, l'è mai morta.
Smorzi la lüs, speci la nocc
Tacum a sugnà senza gnanca sarà j occ

La tuta del Nuvolari, un paltò gnanca bòn per quatàss,
un urelòcc strepà fö de un liber e una foto a la Gare Montparnasse
Un carillon rivà da Sion, uno zucchetto da piazza Cavour
Una slitta che se ciama Rosebud, bel e sbusà e gh'è anca un tambur

Sciur di pecc, perché questa rüdera l'è mai bona da trà via
j ènn pecc sota 'l tecc, sarà nel spazecà per nascund la lor magia.

---------------------------------------------------------------------

Traduzione - Signore delle cianfrusaglie

Luce che dondola, ombra che si allunga,
ombra che copre tutto e il mio cuore è come un tuono:
tuono che picca, muro che trema,
mura che si piega dove non batte la luce.

Bàuli, baùli, panettoni e paracarri,
panettoni impolverati dimenticati da qualche Natale,
Natale, la Madonna, San Giuseppe e tutti i santi,
santi e briganti vestiti solo delle loro mutande.

Una tromba venuta dalla Russia, una spada dalle Terra di Meyyo
un paio di copertoni scoppiati e dalla Turchia ha portato anche un fezz.

Signore delle cianfrusaglie, perché questa spazzatura non è mai cappace di gettarla
Signore delle cianfrusaglie, prova a cambiarla ma questa è la sua filosofia.

Stivali da John Wayne, un'Olivetti qui dal Maine*,
la vernice, i confetti e valige in pelle di biscia,
marionette a pezzi tenute insieme dallo scotch
a ballare il casatchok sul cruscotto di un 128

Facebook, email, nickname e double v
"non capisco più niente quando salta fuori un sedere",
perso in internet per trovare qualcosa su eBay
"Divento matto, voglio tornare agli oh bej oh bej"

La frusta di Indiana Jones, la mantella de Sherlock Holmes
il compasso del capitano Nemo, la chitarra del re del rock

Signore delle cianfrusaglie, perché questa spazzatura non è mai cappace di gettarla
Signore delle cianfrusaglie, prova a cambiarla ma questa è la sua filosofia.

Anche adesso vengo su e quando apro quella porta
voglia di essere bambino, la sento, non è mai morta.
Spengo la luce, aspetto la notte,
cominciamo a sognare senza nemmeno chiudere gli occhi.

La tuta del Nuvolari, un cappotto che non va bene nemmeno per coprirsi,
un orologio strappato da un libro e una foto alla Gare Montparnasse
Un carillon arrivato da Sion, uno zucchetto da piazza Cavour**,
una slitta che chiama Rosebud***, bello e bucato ma c'è anche un tambur.

Signore delle cianfrusaglie, perché questa spazzatura non è buona da buttare
Sono cianfrusaglie sotto al tetto chiuse nel solaio per nascondere la loro magia.

Album che contiene Sciur di pécc

album Pécc sota 'l técc - Giò DeSfàaPécc sota 'l técc
2013 - Cantautore, Folk
Vai all'album

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati