Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione

L’Anno Dell’Odio descriveva il nostro stato d’animo in un preciso momento, al termine del quale ci siamo guardati intorno e abbiamo deciso di raccontare quello che vedevamo e che ci riguardava più da vicino, la nostra città e alcune delle persone che vi gravitano. Uno sguardo gettato su un paesaggio caotico e maledetto come un girone dantesco.
Firenze, città dal passato già sporco di sangue, non ci era mai sembrata così nera.

C’è una voce narrante che ci guida nella capitale del male, quella di Stefano Santoni, psicologo e filosofo folle. Una persona che conosciamo e dalla quale c’è solo da imparare, che sfida la morte e il suo male ogni giorno. Ci siamo rivolti a lui come a un messia minore per arrivare all’origine, alla fonte dei conflitti individuali e comuni che hanno ispirato questo disco.

La copertina raffigura un muro di spettri. Ha qualcosa di rituale e di solenne, e insieme di macabro e severo. Come il ritratto di una congrega, di un collegio o di un funerale. Ritagli e vecchie fotografie come ricordi corrosi dal tempo e dalla miseria umana.
Tutto quello che trova posto nei solchi di questo album è vero, intimamente personale e vicinissimo a noi. Dai personaggi raffigurati sulla cover a quelli descritti nei testi, dalle persone che hanno curato il lato tecnico a quelle che hanno contribuito musicalmente.

Il male non ha una capitale, e se ce l’ha risiede in fondo a noi stessi. Perché il male serve, serve anche il male.

Credits

Registrato la notte tra sabato 3 e domenica 4 ottobre 2015 e mixato da Niccolò Gallio.
Mastering: Alessandro Maffei.
Unn1: metalli / tamburi. Unn2: corde / voce.
Stefania Pedretti [Ovo / Signorina ?Alos]: voce in 'In Itinere'.
Matteo Bennici [Squarcicatrici]: violoncello in 'In Itinere'.
Stefano Santoni: filosofia.
concept & artwork:
Hate&Merda.
prodotto e distribuito da:
Sangue Dischi, Dischi Bervisti, Shove Records, Toten Schwan Records,
Zas Autoproduzioni Records, Icore Produzioni, UTU Conspiracy e DioDrone. [LP]
+ Simula Records (Uk) [TAPES].

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati