I Cieli di Turner - Pot testo lyric

TESTO

Com'è piccolo il cielo sopra piazza Mazzini
in questo centro non storico tra la fontana e i giardini,
mi tengo stretto nel cappotto la stessa voglia di fumare
di un ragazzino imbranato con le ginocchia sbucciate;
e la giacca di suo padre gli sta ancora troppo grande.
Io non ci riesco ad andarmene, provaci tu.
Perché Berlino è uno stereotipo, non devi crederci davvero
e la provincia è un malore dolce, un sonno leggero,
perché peggio che restare soli è sentirsi soli quando si sta insieme
e Francesco è un ragazzo tranquillo non vale la pena volergli bene.
Sulle macerie di un'infanzia ho costruito un altare
sacrificato il musicista resta il finto intellettuale,
e se la prudenza è la virtù dei forti
allora come la chiami la scusa dei vigliacchi?
Di me che per salvarmi dalla camicia buona
parlavo così poco e andavo male a scuola.
Ma non fidarti mai degli ospiti della tua camera a Lisbona
o della strada che fai ogni giorno, della tua poltrona,
e stendi cocci di bottiglia, ci cammini sopra per sentirti colto
e Francesco è un ragazzo tranquillo non vale la pena parlarci molto

CREDITS

℗© 2018 I Cieli di Turner ICDT-001

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Pot di I Cieli di Turner:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Pot si trova nell'album Opera Viva uscito nel 2017.

Copertina dell'album Opera Viva, di I Cieli di Turner

---
L'articolo I Cieli di Turner - Pot testo lyric di I Cieli di Turner è apparso su Rockit.it il 2018-03-22 14:12:47

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia