Il Cubo Di Rubik Monocromo Budapest '56 Ascolta e Testo Lyrics

Brano

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00

Descrizione Budapest '56

La dittatura non ha colore. Il parallelo con la Rivoluzione d’Ungheria segna la fine della storia d’amore, quando entrambi tornano a piangere sulle ceneri di quello che è bruciato per sempre, come i politici di tutte le sinistre d’europa quando nel 1956 si sono girati dall’altra parte, per tornare poi a dire che avrebbero potuto fare di più.

Testo della canzone

Budapest 1956

Stesa nella tua vestaglia mi stavi di fronte
Appesa alla tua voglia, con le labbra già pronte
Leggevi libri di bellezza che hanno ancora il tuo nome
Tutti raccontano i tuoi occhi di diverso colore

Steso sulla tua finestra stavo ad ascoltare
Canzoni di tristezza che hanno addosso il tuo odore
Mentre i frammenti del mattino si lasciavano toccare
e illuminavano i tuoi occhi di diverso colore



L'autunno sfogliava gli alberi e leggeva per te
Le storie degli amori nati nel centro di Budapest
e in quell'isola con il nome di regina e di fiore
risplendevano i tuoi occhi di diverso colore

stesa sul tuo cuore così bianco e ormai stanco
ti guardavo già da lontano sfiorandoti nel letto

e tu mi chiedevi di farti ancora l'amore
che belli i tuoi occhi chiusi di diverso colore
che tristi i tuoi occhi belli

Album che contiene Budapest '56

album Picnic al mare Il Cubo Di Rubik Monocromo
Picnic al mare 2018 - Cantautoriale, Indie, Post-Rock Self Distribuzione S.p.A.

Guarda il video Vai all'album Vai alla recensione

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Pannello

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani