Descrizione

È un album d’amore, questo primo faticoso lavoro discografico degli Juredurè, da poco pubblicato, e costato quasi un anno di lavoro presso il Modulab di Casalecchio di Reno .Amore per il Sud, soprattutto, e per i meridionali, sempre in affanno, sempre in cerca di libertà.

È un amore sofferente, perché i loro brani parlano in primo luogo di calabresi costretti a scappare, ad umiliarsi in terre “straniere” arrangiando la vita e ingoiando ingiustizie, e sognando di ritornare. Ma è anche un album di luminosa rivalsa, perché – udite udite - il calabrese oggi non si lamenta più, e non si piange addosso, ma è finalmente convinto che anche il più cupo destino non è mai incontrovertibile.

Sono storie antiche di briganti-soldati di libertà, e fatti moderni di lavoratori che arrivano disperati in Germania “ppe truvare na fatiga”.

Si mescolano continuamente, canzone dopo canzone, le visioni ancora attuali di stazioni stracolme e “Frecce del Sud”, (il treno che ogni giorno parte da Croton…

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati