Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

“Mentre Guardi alla Germania” de La Colpa è come una classica mossa Kansas City, "quella che mentre tutti guardano a destra, tu vai a sinistra".
Gli elementi ci sono tutti: una partita a carte scoperte che inizia il 16 ottobre, sul piatto le 13 tracce dell’album d’esordio della band milanese e i vostri sguardi che credono di sapere come andrà a finire, ma è proprio in quel momento che cadrete vittime delle vostre convinzioni, travolti da un muro di suono tondo e graffiante, testi densi di emotività e sottili giochi di citazioni. Solo allora capirete perché INRI ha voluto scommettere su questo cavallo vincente.

immagine player e Ascolta l'album e scarica il press kit inserendo la password LaColpa

Perché “Mentre guardi alla Germania” è il disco manifesto di una band che, nomen omen, ha deciso di prendersela sul serio La Colpa: un EP alle spalle prodotto da Alessio Camagni con Davide Autelitano dei Ministri come coautore di alcuni brani, tanti chilometri e concerti sulla scia, un video in collaborazione con l'Istituto Luce ed il coraggio di inserire, in questo nuovo lavoro discografico, un brano dedicato a Vittorio Arrigoni (Due possibilità), di bussare alla porta del compositore d’avanguardia Dario Buccino per incasellare il suono delle sue famose lamiere in una ballad (La Cisterna) e di disegnare a loro modo una Dismaland Banskiana (Il parco giochi più bello del mondo)

"Mentre guardi alla Germania" è energia, rabbia e riscatto tutto condensato e pronto ad esplodere. Un disco dagli accenti antimoderni e da sognatori, che narra di addii e speranze, rivoluzioni mancate, bombaroli impenitenti, guerre di liberazione, viaggi da Istanbul a Dubai. In filigrana, ma non troppo, la decrescita felice e il ritorno alla terra come unica chiave per un futuro sostenibile.

Un disco che davvero “Pompa la giostra” anche se, finché non vedrete la band live, non capirete realmente cosa significhi questo motto.

Registrato negli studi Noise Factory di Milano, il primo full album de La Colpa è un biglietto da visita di quelli che difficilmente dimenticheremo.

Credits

Produzione da "La Colpa" con Fabio De Buglio, Federico Calvara (#11) e Alessio Camagni (#2, #3, #13).
Tutti i testi sono di Luca Cometti eccetto #11 e #12 di Marco Muscarà e #13 di Alessio Camagni.

Il piano elettrico in "Persi di vista" è suonato da Niccolò Secondini.
Le seconde voci su "La Bomba", e "A meno di noi", sono di Michele Andrea Scalzo dei Medulla.
La lamiera su "La cisterna" è percossa da Dario Buccino.
Le parole in coda a "Due possibilità" sono di Vittorio Arrigoni, tratte dall'intervista rilasciata ad Al Jazeera per "Documentary about Vittorio Arrigoni" (2009). Il loro utilizzo ci è stato gentilmente concesso dalla madre Egidia Beretta Arrigoni che ringraziamo infinitamente.

Provinato da Fabio de Buglio presso gli studi "Mob Soundtrack" di Milano.
Registrato e mixato da Federico Calvara con Niccolò Fornabaio assistente presso gli studi Noise Factory di Milano a febbraio/marzo 2015.
Masterizzato da Alessio Camagni presso gli studi Noise Factory.
Fotografie e direzione artistica: Alessandro de Agostini

Grazie a: Giulia Cometti, Emanuele Mei, Salvatore Gabrieli, Davide Autelitano, Ylenia Micaletto, Chiara Gualteroni, Francesca Sarais, Nina Nafari, Folco Vinattieri, Alessia Masi, Angelo Bacchini, Matteo Oliva, Barone Von Schoiattolis, Francesco Nastrucci, Emanuele Dainotti e Alessandro Capuzzi di "Sette secondi circa", Taketo Gohara, Giacomo Cigolotti.

Edizioni: INRI - Zumpapà s.r.l.
Etichetta: INRI

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati