Lora & The Stalkers

Lora & The Stalkers

Lora & The Stalkers

2018 - Rock'n'roll, New-Wave, Pop punk

Descrizione

E’ uscito venerdì 14 dicembre il disco d’esordio omonimo di Lora & the Stalkers, la band romana da anni sulle scene della musica dal vivo della Capitale. Ora, dunque, il gruppo si mette alla prova con il suo primo album che contiene 7 brani inediti, tutti in inglese. Un’opera dove si fondono la New Wave, il Punk e il Rock’n'Roll. E non solo…

Un lavoro dove Lora Ferrarotto, Alessandro Meozzi, Alessio Morelli, Simone Temporali e Luca Rea danno vita ad atmosfere fluo e tinte a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta per canzoni fresche e piene di carattere, in cui riecheggiano le formazioni più celebri dell’epoca, dai Blondie ai Ramones, da Joan Jett ai Clash. Il tutto contaminato e ispirato dalla nuova ondata di musica rock contemporanea, avendo come punto di riferimento i lavori dei produttori Dan Auerbach e Jack White e la scena dei cantautori che rispondono al nome di Liam Gallagher e Richard Ashcroft.

“Lora & the Stalkers” si apre con “Rock’n’roll mama” per un testo graffiante e al tempo stesso fresco: la vita in città oggi rende difficile riuscire a essere contemporaneamente una mamma, una donna che lavora, una persona che non debba necessariamente rientrare in schemi preconfezionati dalla società.

Un ritmo più reggae e decisamente giocoso invece per “So fine”, un brano dove viene espressa una dolce e divertita femminilità̀.

Ecco echi di Beach Boys e di Ronettes in “Sounds of Holidays”, una dichiarazione d’amore indirizzata alla bella stagione e sospirata nel microfono mentre fuori piove.

Un suono grintoso per la quarta canzone, “Beat your time”: in puro stile Motown Records ecco un invito al superamento dei momenti difficili, appoggiandosi a chi è al nostro fianco.

Un battito lento e scandito, un sound avvolgente, quasi una marcia, fa da contorno a un brano d’amore notturno, “Don’t leave tonight” dove si racconta di sentimenti contrastanti, di sensazioni a cavallo tra il dolore della distanza e il calore della presenza.

Si balla con un riff molto garage punk con “Coming down the street”, per un testo di certo sarcastico: la città, i ritmi frenetici e la ricerca del benessere da parte del personaggio protagonista, un po’ viziato e pretenzioso, che lamenta il fatto di voler essere qualcuno o qualcosa, in fondo forse solo alla ricerca di quella serenità che affiora quando a imporsi è il nostro vero io, che ha qualcosa dentro e vuole esprimerla al meglio.

Ultimo brano dell’album, “Slow down”, un blues lento dal sapore folk rock che ci parla d’amore, e di quanta forza ed energia scaturisca dal superare insieme le difficoltà che la vita inevitabilmente prima o poi presenta a ognuno.

Credits

Line-up
Lora Ferrarotto: vocals, electric guitar
Alessandro Meozzi: vocals, drums, guitar, keyboards, percussion
Alessio Morelli: bass, vocals
Simone Temporali: keyboards, vibraphone, moog, accordion

Musicisti aggiunti
Luca Rea: guitars
Luca Majnardi: horns
Olimpico Riccardi: Tenor saxophone

Tutte le canzoni sono scritte da Alessandro Meozzi eccetto "So fine" (Alessandro Meozzi, Lora Ferrarotto e Luca Rea)
Prodotto, arrangiato, mixato da Alessandro Meozzi
Etichetta: Studio 66 Records
Edizioni: Concertone S.R.L.
Consulente artistico: Francesca Frizzi
Registato a Studio 66
Grafica e copertina: Giulia Meozzi
Foto: Preziosa Bruno Di Belmonte
Distribuito in digitale da Concertone S.R.L. e il supporto fisico da Goodfellas S.R.L.

Facebook: facebook.com/Lora-The-Stalk…
Youtube: youtube.com/channel/UCPGYld…
Instagram: instagram.com/loraandthesta…

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia