Il percorso artistico di Luca Caiazzo, in arte Lucariello, inizia nei primi anni novanta con l’incisione del brano 167, racconto della cruda realtà di quartieri come Scampia, dove lo stesso artista ha vissuto. Negli stessi anni realizza un programma HipHop sull'emittente radiofonica radio panoramica. Dopo l’esperienza dei Ventodivino, nel '96 fonda la crew Clan Vesuvio che con l'album "Spaccanapoli" diventa un fenomeno nella scena nazionale essendo il primo disco di una crew hiphop napoletana non legata al fenomeno politico-sociale delle posse. Successivamente pubblica un EP, "Malafemmena" scrivendo una versione lo-fi della canzone di toto' e grazie alla collaborazione dal vivo con diversi musicisti della scena jazz sperimenta contaminazioni tra musica strumentale e rap. Dal 2003 insieme agli Almamegretta incide 4 album e partecipa a diversi tour in Italia e in Europa.

Nel 2007 realizza il suo primo disco solista “Quiet” (Sanacore records edel) dove racconta di personaggi borderline che vivono tra sogni e disillusioni. Dall’album vengono estratti due singoli con i rispettivi video "Love Song" diretto da Tak Kuroha e "Pistole Puttane e CocaCola" diretto da Claudio D’Avascio. I beat tutti suonati con strumenti reali (basso batteria e rhodes) sono registrati insieme al produttore giapponese Taketo Gohara alle officine meccaniche.

Contemporaneamente inizia una intensa corrispondenza con Roberto Saviano dalla quale nasce "Cappotto di Legno", brano ispirato alle vicende di Gomorra. Nel giugno 2008 il brano diventa un videoclip con la direzione artistica di Gabriele Salvatores, diretto da Fabio Scamoni e prodotto da MTV.
Il brano, musicato insieme al compositore Ezio Bosso e i Buxusconsort, scuote l’opinione pubblica e pochi minuti dopo la pubblicazione registra circa 200 mila download.

Lucariello è un musicista da anni impegnato ad affermare una cultura di denuncia e azione in un’Italia corrotta e decadente, realizza il progetto Poetica da Combattimento, insieme di musica, teatro e visuals.
Viene pubblicato il 26 aprile 2011 il progetto-album "I Nuovi Mille", undici “brani di vita” che dissacrando i fasti delle celebrazioni dei 150 anni dell'unità d'italia raccontano diversi percorsi umani uniti da una quotidianità fatta di coraggio e voglia di riscatto. L’album è parte di un omonimo progetto realizzato in collaborazione con la Rai e Sugar.
I proventi dell’album sono stati devoluti alla Fondazione POL.I.S che sostiene le vittime innocenti della criminalità e realizza progetti culturali tra cui la nascita di una radio “libera”. Il primo maggio 2011 partecipa al concertone di piazza San Giovanni in diretta su rai tre.
Ad un anno di distanza, dopo un lungo periodo di sperimentazioni e fusioni tra i generi musicali, Lucariello approda ad una nuova matrice hiphop e pubblica per la sua neonata label “Vezuvio Records” il singolo “Io e te” che anticipa l’album CMNF8 in uscita il 15 aprile 2013 .