All'inizio fu quasi una scommessa…! Venuti da esperienze musicali diverse (…e forse anche un po’ "arrugginiti"…) lavorammo sodo per riorganizzare le idee e per trovare un filo conduttore che potesse far confluire in un'unica linea quelle stesse diversità che distinguevano ognuno di noi. Ma l'energia, elemento essenziale per andare avanti, c'era…così come non mancavano le chitarre, prese in prestito qua e là, i microfoni, usati anche quelli, ed un buco dove far le prove. Poi a Gugo venne l'idea del nome: "MALAVIDA" e, ricordando i Manonegra, nessuno ebbe da ridire. Iniziammo con le…