Mamuthones è il progetto solista di Alessio Gastaldello, fondatore ed ex batterista dei Jennifer Gentle, l’unica band italiana sotto contratto con Sub Pop Records. Dopo aver lasciato la band nel 2007 Alessio ha pubblicato col moniker di Mamuthones un paio di album per due delle etichette italiane di avanguardia rock più interessanti: A Silent Place e Boring Machines. Oggi torna, sempre su Boring Macines, con un album che vede la partecipazione di una vera quanto improbabile band che comprende proprio Marco Fasolo (leader e co-fondatore dei Jennifer Gentle) alla chitarra e in sala di regia durante la registrazione e il missaggio dell’album, e il sessantaduenne Maurizio Boldrin, leggenda del beat padovano negli anni ’60 e poi nella band di Pino Donaggio. Con questo album eponimo Mamuthones compie un passo in avanti aggiungendo ai consueti droni ipnotici e oscuri la violenza del trio rock. Caratterizzato da una psichedelia selvaggia e violenta, sostenuta dal drumming potente, dinamico e fantasioso di Maurizio Boldrin, l’album presenta 4 tracce principali intervallate da episodi più pacati e riflessivi. L’album vede momenti roboanti e ipnotici (The first born), mostruosamente ritmici (come l’autentico tour de force di Ota Benga , tutto batteria percussiva, linee fratturate di chitarra e soli di synth in pieno stile Sun Ra) o semplicemente snervanti (vedi la finale Ave Maria). Questa pesantezza è però bilanciata dalle altre tracce dove il suono si fa minaccioso e malinconico (come la pulsante Kash-o-Kashak), etereo (A new start) e arioso (MJ 74, pezzo registrato da Maurizio Boldrin nel 1974!). Come una versione hard di Yo Ho Wah 13 alle prese con la celestiale lentezza di una cerimonia da tè giapponese o una messa cattolica celebrata da un indemoniato padre Karras, Mamuthones è un album di psichedelia oscura e angosciante ma non priva di un’intensa speranza. Prodotto da Boring Machines, che con questo album inaugura la distribuzione europea con Cargo e italiana con Goodfellas, sarà disponibile da fine febbraio, quando inizierà anche una serie di concerti organizzati da DNA (www.dnaconcerti.com) che vedranno sul palco, oltre a Gastaldello (voce/synth/sampler), Fasolo (chitarra) e Boldrin (batteria), anche Matteo Polato degli Slumberwood al basso synth. Contatti: Management: Marco Damiani magog01@hotmail.com Band: www.myspace/themamuthones www.soundcloud.com/mamuhones www.youtube.com/themamuthones Booking: Nicola Romani nicola@dnaconcerti.com Label: www.boringmachines.it