Marta sui Tubi - Stento testo lyric

TESTO

Ho sognato nuvole nere in mano di un uomo strano
Che annientavano Dio
Con aria distesa un cristo qualunque sorrideva
Chiedendo un altro Martini e.
Piccole luci ci spiavano mentre la luna piangeva o rideva?
Bo!
Eccola in mondovisione la nostra gente cadere
Ed ammassarsi su tetti di case ingegnose
E riesco a stento a convincermi che
Questa è la mia terra.
Queste mani ferite da tanto scavare
Trovano l'oblio
Credi sia inutile aprire la cerniere del tempo e far pisciare Dio e.
File di uomini e spade affondate sui cuori dei miei padri gementi
E schiene votate al tormento di doglie silenziose e di cazzi bastardi
E riesco a stento a convincermi che
Questa è la mia pelle

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Stento di Marta sui Tubi:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit: Marta sui Tubi (di @verorocknroll con 39 brani), marta sui tubi (di @danielac con 10 brani)

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Stento si trova nell'album Muscoli e Dei uscito nel 2002 per Eclectic Circus Records, White'N'Black.

Copertina dell'album Muscoli e Dei, di Marta sui Tubi
Copertina dell'album Muscoli e Dei, di Marta sui Tubi

---
L'articolo Marta sui Tubi - Stento testo lyric di Marta sui Tubi è apparso su Rockit.it il 2003-02-06 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO