Leggi la recensione Video in questo album (3)

Descrizione

“Come in cielo così in terra” è il nuovo disco di UNA

È fatto di sinergie, incontri semplici e racconti tridimensionali il mondo di UNA e ce lo racconta nel disco in uscita il 23 Settembre in digitale e il 30 nei negozi di musica


“Come in cielo così in terra” è il nuovo disco di UNA in uscita il 23 settembre con etichetta MArteLabel, ma non è solo questo. È la dissacrante presa di coscienza dell’inesistenza di un paradiso da cercare nel “domani”, è la tensione verso l’alto dei nostri desideri, sogni e aspirazioni che ci tengono accesi e vitali in un momento storico debole e spento, un’ esortazione a consumare il piacere e la bellezza della vita nel presente, nel nostro “qui ed ora”.

Realizzato con il sostegno di PUGLIA SOUND RECORDS - PO FERS PUGLIA 2007/2013 ASSE IV - INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO il disco, realizzato al Gas Vintage Records di Roma, propone undici tracce nate da un sinergico lavoro di squadra che ha visto a fianco della cantautrice Daniele “Mr Coffee” Rossi (già produttore di Niccolò Fabi e Tiromancino) come ingegnere del suono, produttore artistico e musicista, Leo Pari nei panni di supervisore dei testi e arrangiatore di alcune musiche, Gianni Masci come polistrumentista, compositore di musiche e arrangiamenti.

Nel titolo risiede il continuo conflitto tra astratto e terreno, tra mente e corpo; il mondo è fatto di contrari e questo disco ne esalta i contrasti. Abbiamo così l’ode all’allegria di Scopamici, singolo che ha anticipato l’uscita del disco, l’ode alla tristezza di Quel che manca di te, quella all’inquietudine di Antiselfie, Una giornata complicata e Sotto il cielo dell’Ilva, quella alla libertà di Mario ti amo e Camilla e Matteo, quella alla resistenza di La professoressa e quella alla rassegnazione de Il paese che canta, brano scritto da Lorenzo Kruger dei Nobraino.

Ogni brano è un piccolo racconto breve, come “breve” è la durata dell’esperienze descritte: lo spaesamento esistenziale, l’assenza di prospettive future della generazione cui fa riferimento, il tema della precarietà, il rapporto con la propria sessualità, il bisogno di essere amati, l’incapacità di creare legami affettivi e continuativi nel tempo, l’insicurezza e le paure che limitano le scelte di una donna, l’idiosincrasia verso il mondo sociale e la chiusura in se stessi, esasperate da una realtà sempre più effimera e dissipata.

Le canzoni di “Come in cielo così in terra”, con un linguaggio schietto e ordinario indirizzano chi ascolta, nelle coltri di una quotidianità fatta di paralisi e risvegli, per poi svelare ad ogni epilogo, quell’eco di poesia che sopravvive nelle piccole vite raccontate.

Credits

TRACKLIST:

1. Mario ti amo (M. Stano, G. Masci, L. Pari)
2. Sotto il cielo dell’Ilva (M. Stano, L. Pari, G. Masci)
3. Scopamici (M. Stano)
4. Fuori sede (M. Stano)
5. Professoressa (M. Stano, L. Pari)
6. Il paese che canta (G. Masci, L. Kruger, M. Stano)
7. Il lavoro ( Ciampi, Marchetti - riadattamento M. Stano, G. Masci )
8. Giornata complicata (M. Stano)
9. Antiselfie (M. Stano)
10. Camilla e Matteo (M. Stano)
11. Quel che manca (M. Stano, G. Masci)


CREDITI

Registrato e mixato al Gas Vintage Records da Daniele Rossi aka Mr Coffe, Gianni Masci, Leo Pari eccetto “Scopamici” registrato da Roberto Cola al Piano B studio di Roma e mixato da Coffe, Leo Pari e Gianni Masci al Gas Vintage Records.
Masterizzato pressu Studio Reference da Fabrizio De Carolis - Roma
Produzione artistica: Mr Coffee, Leo Pari, Gianni Masci
Arrangiamenti: M. Stano, G. Masci
Tutti i testi sono scritti da: Marzia Stano eccetto “Il Lavoro” ( P. Ciampi ), “Il paese che canta” (L. Kruger/M.Stano), “Mario ti amo” e “ Professoressa” (M. Stano/L. Pari)
Tutte le musiche sono composte da: M. Stano e G. Masci eccetto “Sotto il cielo dell’Ilva” (G. Masci/L. Pari) e “ Professoressa” (M. Stano/L. Pari).
Preproduzione presso il Tigra Studio

Marzia Stano: Voce
Gianni Masci: Chitarre acustiche, elettriche, guitalele, basso, batteria e percussioni, cori, Hammond
Coffe: Piano acustico, Fender Rhodes, Hammond, Mellotron, Synth

Il piano in “Quel che manca” è suonato da Lucio Morelli, percussioni ne “Il lavoro” Luca Giura, chitarra elettrica ne “Il Lavoro” Simone Martorana, chitarra acustica ed Hammond in “ Professoressa” Leo Pari, chitarra elettrica e cori in “Sotto il cielo dell’Ilva” Leo Pari.

Booking e management: MArtelabel -
Giuseppe Casa

Prodotto da MArtelabel, M. Stano, G. Labbruzzo, con il sostegno di Puglia Sounds

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati