È impossibile parlare di reggae made in Italy senza includere i Mellow Mood tra i protagonisti principali di una scena in continua crescita.
Giunti ormai al quarto disco e forti di decine di milioni di visualizzazioni su YouTube, i Mellow Mood esordiscono ufficialmente nel 2009 con un album autoprodotto (“Move!”) e si impongono in breve tempo all’interno della scena indipendente italiana.
Approdano nel 2012 nella sezione internazionale de La Tempesta Dischi, principale etichetta indipendente del Paese, pubblicando “Well Well Well”, disco che li conferma tra le realtà più interessanti del panorama reggae europeo.
L’uscita di “Twinz” (2014) allarga ancora il campo d’azione della band pordenonese, portandoli a suonare sui palchi dei principali festival europei (Rototom Sunsplash, Summerjam, Sziget Festival) e oltreoceano.
A dieci mesi di distanza, “Twinz” svela il proprio gemello: è “2 The World”. Paolo Baldini si conferma ancora una volta architetto sonoro della band e cura la produzione di questo disco che testimonia una continua crescita compositiva, arricchito da collaborazioni nazionali (Forelock, Andrew I) e ospitate giamaicane (Tanya Stephens, Jah9, Hempress Sativa, Gideon & Selah).