Leggi la recensione

Descrizione

A tre anni di distanza dal precedente ”Memories for the unseen” ecco tornare i Mimes of Wine di Laura Loriga con un album nuovo di zecca (La Maison Verte) in uscita in italia ed Europa il prossimo 21 Ottobre ma che grazie alla collaborazione con Adam Moseley (produttore e sound engeneer dell’album precedente dei Mimes e che tra gli altri ha lavorato con personaggi del calibro di John Cale, Nick Zinner, Beck, The Cure, Scott Walker) è stato già pubblicato negli Stati Uniti dalla sua Accidental Muzik rec lo scorso giugno, riscuotendo consensi da parte dei media e del pubblico davvero calorosi avendo tenuto la scorsa primavera una serie di concerti tra Los Angeles e New York.

In Italia l’album è stato anticipato da un ep di tre brani (La maison verte ep) lo scorso 15 aprile, lanciato dal suggestivo video di ”Birds of a feather” ,bellissima canzone presente anche nell’album e visibile a questo link : https://www.youtube.com/watch?v=3i7N3MyoBa8

In una dimensione musicale eterea, sognante ma ricca di momenti accesi, le voci calde ed emozionanti di Laura e del suo pianoforte sono sempre in primo piano, forti e fragili al contempo ma pienamente incastonati in una suggestione che definire semplicemente ”folk” potrebbe essere forse riduttivo, abbracciando contemporaneamente elementi di classicità e modernità che mantengono costantemente elevato un’attitudine musicale solenne, austera ,quasi sacra.
Teatrale come lo erano i Devics di Dustin O’Halloran e Sara Lov, conturbante come le migliori Cat Power e Lisa Germano, inclassificabile come i Dead Can Dance, intensa nella voce come Joni Mitchell di ”Ladies of the canyon”, ma assolutamente personale nell’espressione del suo bagaglio musicale.

Musica con la M maiuscola insomma, al di là di qualsiasi enfasi inbonitrice tipica di chi fa il nostro mestiere. ☺

Una autrice ed una pianista Laura Loriga, che il mondo ci invidia e che in Italia è riuscita a
ritagliarsi una rispettabilissima posizione di culto nella nicchia della ”musica per intenditori”.
Cosa che se da un lato rappresenta senz’altro un elemento di qualità e prestigio, dall’altro, se ben ci si pensa, rappresenta una cosa abbastanza triste, rappresentativa della deriva in cui versa il pubblico italiano lasciato in balia di chi lo livella (culturalmente) per poi manipolarlo e indirizzarlo verso il proprio profitto o interesse.

Ma la Bellezza della musica non può soffermarsi di fronte a tali circostanze.
La Bellezza non ha prezzo, appartiene a chi sa riconoscerla e cammina sulle sue gambe andando sempre molto lontano.
Speriamo di aver aggiunto anche questa volta un tassello, pur microscopico che sia, al mosaico della rivoluzione culturale alla quale molti di noi anelano ormai da tempo.
Con l’augurio che tutto ciò accada presto.

MIMES OF WINE ”La Maison Verte” Tracklist:
1) Below a fire 2) Jai Singh 3) Hour 4)Last man on mount Elysian 5)Birds of a feather 6)Gates 7)Shemkel 8) Lovers’eyes 9) Road

Mimes of Wine BIO
(ITA/USA, Urtovox Rec.)

I Mimes of Wine nascono come progetto solista della cantante e pianista Laura Loriga nel 2007.
Laura, bolognese di nascita e apolide nell’animo, ha scritto il primo album Apocalypse sets in nell’arco di tre anni, influenzata dalle città in cui ha vissuto in quel periodo (Bologna, Parigi, San Francisco, Los Angeles) e dai musicisti con cui ha collaborato in ognuna di esse.
In questo primo lavoro, il carattere centrale del progetto viene definito nella sua base; si tratta di dieci brani in cui voce e piano portano melodie e armonie attraverso giochi di modulazioni dilatate e scure, e cambi ritmici che rimandano nelle strutture alla musica classica e al jazz, in atmosfere create da suoni di archi, campane, fiati, ebows, trombe, shruti box e rumori puri.
Dal 2007 al 2009 Laura si esibisce quasi esclusivamente in California, accompagnata dalla viola e gli effetti di Neel Hammond (Sonus Quartet), il contrabbasso di Kenny Annis (David J), e la batteria di Drew Pearson (Twin Steps/Golden Drugs).
Apocalypse sets in è stato registrato da Enzo Cimino (batteria, Mariposa, Beatrice Antolini) con cui Laura ha co-prodotto il lavoro, ed è stato pubblicato da Midfinger Records a fine

2009.
Dopo l'uscita del primo album, Laura parte per un tour che impegna la band nella sua nuova e
attuale formazione fino all'inverno seguente:
In questo tour di oltre 70 date, Mimes of Wine condivide i palchi con artisti italiani e stranieri
in Italia, Belgio e Germania (tra cui Josephine Foster, Wintersleep, Egle Sommacal, Ulan Bator, Sara Lov, Nancy Elisabeth, Niobe, Rie Sinclair, A Toys Orchestra).

Alla fine del 2010 Laura inizia la scrittura del secondo album, Memories for the unseen, che viene completato tra Los Angeles e Bologna ed inciso nel febbraio del 2012 in Italia. L'album è stato registrato a La Casa nel vento Studio da Enzo Cimino e arrangiato dalla stessa formazione del tour precedente e arricchito dal contributo di altri preziosi musicisti, tra cui Helen Belangie al violocello e Tiziano Bianchi a tromba e flicorno. Le sonorità di questo lavoro sono diverse dalle precedenti; il risultato è più potente, asciutto e diretto, meno sognante. La formazione stabile che la band ha raggiunto ha permesso un tipo di lavoro nuovo, in cui la ricerca di un equilibrio e degli estremi verso cui tendere non verte più solo intorno a Laura ma a tutti i componenti. Il mix e la post-produzione sono stati curati da Adam Moseley (Accidental Muzik, The Boat Studio), a Los Angeles.

Memories for the unseen e' uscito per Urtovox in Italia a Novembre 2012, e ha dato luogo ad un lunghissimo tour che e' durato fino alla fine del 2014.
Nello stesso periodo, Laura ha anche accompagnato i Giardini di Miro' alla voce per il l’intero tour di Good Luck, aprendone anche i concerti in solo.

Negli ultimi due anni, Laura ha composto il terzo album, La Maison Verte, arrangiandolo insieme alla band, la quale questa volta ha dato un contributo ancora piu' significativo. Il risultato e' un lavoro sempre piu' di insieme, accompagnato da un ulteriore passo in una direzione diversa, e piu' minimale, a livello di scrittura. Il disco e' stato registrato da Matteo Zucconi a Bologna e mixato da Bruno Germano al Vacuum Studio di Bologna. Tra gli ospiti del disco, ci sono Corrado Nuccini (Giardini di Miro'), con cui Laura ha co-scritto Lovers'eyes, Francesca Pizzo (Melampus) e Tiziano Bianchi (Portfolio).

Allo stesso tempo, in questo periodo Laura ha anche cominciato a collaborare sulla scrittura di musica per colonne sonore, su vari progetti in Italia e Stati Uniti (tra cui il documentario I talk Othwerwise) e in particolare ha iniziato una collaborazione a lungo termine con il compositore Leonardo de Bernardini (Los Angeles).
Inoltre, ha collaborato come ospite su diversi album, tra i quali quello di Sin/Cos (su Armenian), quello di Livia Ferri (su Patterns), e quello di Vessel di Corrado Nuccini e Emanuele Reverberi (su Sinno' me moro).

Label : URTOVOX info@urtovox.com
Booking : LOCUSTA contact luca@locusta.net
Uff stampa promozione e management: UNOMUNDO promo@unomundo.it
Publishing SUPERMOTA : info@supermota.it

Credits

CREDITS "La Maison Verte" :
Musiche e testi : Laura Loriga
Prodotto suonato ed arrangiato da Mimes of Wine
Registrato da Matteo Zucconi
Mixato al Vacuum studio da Bruno Germano

MIMES OF WINE:
Voce e pianoforte: Laura Loriga
Chitarra elettrica: Luca Guglielmino
Nichelarpa e violino:Stefano Michelotti
Violoncello: Helen Belangie
Contrabbasso: Matteo Zucconi
Batteria Riccardo Frisari

Discografia :
-Apocalypse sets in - 2009 Midfinger rec
-Memories for the unseen - 2012 Urtovox rec
-La Maison Verte ep -2016 Urtovox rec

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati