Nati all’inizio del terzo millennio, i Neodea propongono una reinterpretazione in chiave moderna del rock e dell’hard rock d’oltre oceano.
Scoperti da Cristiano Santini (storico leader dei Disciplinatha), danno alla luce nel 2009 l’album d’esordio “Teorema del Delirio”, nel quale si vedrà la collaborazione di Francesco Donadello (giardini di Mirò)
Nonostante la produzione e la promozione low budget, il disco ottiene ottimi riscontri dalla critica che per i due anni successivi continuerà a a parlarne positivamente
Il tour successivo all’uscita del Teorema del Delirio porta la band a suonare nelle maggiori città della penisola ottenendo riscontri sempre maggiori da parte del pubblico.
Nell’estate 2010 la band viene invitata ad esibirsi per Amnesty International nell’ambito del concorso Voci per la Libertà grazie al brano “Violet”, straziante racconto degli ultimi pensieri di un bambino Kamikaze.
A seguito dell’esibizione, Violet, riceverà l’onoreficenza di entrare a far parte dell’ “Anti War Song”, raccolta mondiale dei testi delle canzoni e dei canti con contenuto pacifista e antimilitarista.
Nel 2011 i Neodea vengono invitati a far parte della compilation ed all’evento tributo a scopo benefico, Layne Staley Italian Tribute, in onore dello scomparso leader di Alice in Chains e Mad Season, con la cover I don’t know anythng.
A seguito dell’evento Luca diventerà co-fondatore dell’Alternative Grunge Crew, associazioni di band dell’underground italiano, con la quale grazie al riconoscimento ufficiale da parte della Layne Staley Foundation, organizzerà per il secondo anno consecutivo il live memorial.

Nel 2011 l’incontro con Luca Venturi (CMP ITALY) già produttore di band del calibro di Sugarfree, la Differenza, Barbara Monte, Micaela Foti ecc., con il quale rientrano in studio per la produzione dell’ep Scorre Lento registrato e arrangiato presso il Sonic Factory di Mauro Isetti e d Egidio Perduca e mixato da Alessandro Marcantoni presso i Metropolis Studio di Milano.