OFFICINA FINISTÈRE - Ascolta e Testo Lyrics La sinistra paura

Brano

00:00
 
00:00

Credits La sinistra paura

Testo: Francesco Marchetti
Musica: Enrico Vasconi

Testo della canzone

LA SINISTRA PAURA

Non posso restare di pietra,
le spalle incollate ai mattoni,
davanti ad un tonfa che incede,
col piscio che bagna i coglioni.
Non posso restare accucciato
ad un muro e aspettare il rumore,
lo schianto del nuovo che avanza
trascende il dolore.

Non posso ascoltare il mulino
degli occhi che implorano approdo,
nè posso soffrire più a lungo
gli anfibi che scalciano a modo.
Non posso patire in silenzio ,
nè voglio il mio cile privato,
che l'ordine sia repressivo
e che sia disciplina di stato.

Non ho da imparare dall'odio,
nè dalla minchiona ignoranza
che è cibo per porci istruiti
ed è gloria del nuovo che avanza.
Non posso nascondere l'odio,
che è pianto, e giudizio, e dolore,
che abita a fiamme il mio corpo
e ha il mio corpo per arma ed amore.

Lo stato che non riconosco,
il falso ideale impartito,
lo strano e sinistro dilemma
dell'ordine costituito.
La preda che viene raggiunta
con furia — sia fatta tortura —
diventa calvario d'oppresso.
non posso più avere paura.

Album che contiene La sinistra paura

album IL GUSCIO - OFFICINA FINISTÈREIL GUSCIO
2012 - Rock, Folk, Cantautore
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati