Opificio del Dubbio - Ascolta e Testo Lyrics Nullità e Divinità

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Vuoto il mio cuore sconfitto implora il tuo perdono
ma un pesante silenzio colma lo spazio
i pochi centimetri distanti da te
sono un baratro immenso, non sembri più tu

Pioggia sempre più fitta si unisce a te
riversa quella tristezza che impregna la vita
piangi anche tu, coi tuoi chiari occhi grigi
castigo sofferto e appello d’aiuto

Dov’è la mia colpa, che colpa ne abbiamo?
Perle di gioia in un mare lontano
Dov’è la tua colpa, che colpa ne abbiamo?
Perle di gioia

E saremo ancora noi stessi
nullità e divinità
frammenti di vita senza più vincoli
fragili membra scolpite in eterno
e sapremo rialzarci in piedi
con orgoglio ed umiltà
quanto è grande questo dolore
che, lo sappiamo, di nuovo ci forgerà

Dov’è la mia colpa, che colpa ne abbiamo?
Perle di gioia in un mare lontano
Dov’è la tua colpa, che colpa ne abbiamo?
Perle di gioia

E saremo ancora noi stessi
nullità e divinità
frammenti di vita senza più vincoli
fragili membra scolpite in eterno
e sapremo rialzarci in piedi
con orgoglio ed umiltà
quanto è grande questo amore
che, lo sappiamo, di nuovo ci forgerà

Album che contiene Nullità e Divinità

album D'istinto - Opificio del DubbioD'istinto
2014 - Rock, Folk, Punk rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati