PECKINPAH Nato a Firenze, da alcuni mesi trasferitosi a Roma, Peckinpah è l’alter ego di Lorenzo Bettazzi, già bassista con la decennale rock band fiorentina Zenerswoon. Per questo suo progetto solista si è ribattezzato con il nome del grande regista americano Sam Peckinpah, dal quale ha ereditato un’idea di modello umano non troppo incoraggiante e una certa attitudine “loner” nei confronti della realtà che lo spinge a mantenersi sul margine delle cose. Tutto inizia alla fine del 2006 con la partecipazione al Rock Contest, organizzato e sponsorizzato da ControRadio Firenze e di cui Peckinpah è risultato uno dei finalisti. Da allora è iniziata una sempre crescente attività dal vivo, in serate a proprio nome e in apertura ad altri performers che lo hanno portato ad esibirsi sui palchi della Toscana e in giro per l’Italia. Il primo disco autoprodotto "On The Spur Of The Moment" (2007) rappresenta in pieno la concretizzazione del progetto: registrato al Bunkerhaus Studio di Firenze, scritto arrangiato e interamente suonato da Peckinpah stesso, rispecchia fedelmente, nei contenuti e nelle dinamiche, il suo tipico approccio autobiografico e intimista alla musica. Il secondo disco "That’s all bad folk" (2010), per l'etichetta milanese CaneBagnato Records, si può considerare la naturale evoluzione musicale di Peckinpah: anch'esso registrato al Bunkerhaus Studio di Firenze e interamente suonato dall'autore, si arricchisce di nuove aperture strumentali che mantengono la loro matrice folk pur sconfinando in atmosfere e arrangiamenti al di là della sonorità acustica. La performance live di Peckinpah traduce e concretizza dal vivo questo percorso musicale personalissimo sempre in bilico tra canzone d’autore sprovveduta, folk impegnato e rock spregiudicato. www.myspace.com/badfolkpeckinpah