Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Un nuovo progetto straordinariamente originale, un modo del tutto inedito di rivisitare i grandi classici del Dio della chitarra, un “wall of sound” tra blues unplugged e psichedelia elettrica. Il tributo a Jimi Hendrix dei “Rainbow Bridge” è rivoluzionario ed emotivamente intenso, il trio scava nell'anima più profonda delle radici che hanno influenzato il grande maestro ed il risultato va al di là di ogni etichetta.
La psichedelia degli anni 70 si fonde con sonorità a volte morbide a volte taglienti ed i brani si tingono di influenze etniche, classiche, stoner, desert rock, blues e folk.
Il Trio lascia che tutto ciò venga fuori liberamente dalle improvvisazioni durante le registrazioni in studio, “James And The Devil” è un disco “sporco e vero” ed il Live Show ne rispecchia tutte le caratteristiche.
La webzine Statunitense dedicata alla psichedelia Sodashop.com li ha definiti “a fucking cool tribute”, il portale tedesco Hendrix-fans.de dedicato alle band che si rifanno al mito mancino, descrive i "Rainbow Bridge" come una band in grado di rielaborare in modo assolutamente originale il repertorio del leggendario chitarrista, rivoltando da cima a fondo i brani in un mix potente di psichedelia distorta e graffianti improvvisazioni acustiche. Quest'anno il trio ha festeggiato le 100 date.

Credits

produced and arranged by Rainbow Bridge
recorded and mixed at LaVilla24 studio by Giuseppe Massara

TAROCK RECORDS 2012

"A blues'n roots tribute to James Marshall Hendrix, to his music and his spirit." Rainbow Bridge

Early this mornin', when you knocked upon my door I said "Hi Satan, it's time to go, you can bury my body, down by t he railroad side so my old evil spirit, can catch a train and ride.."
credits
released 10 July 2012
Giuseppe "Jimi Ray" Piazzolla - vocals, guitars
Alessio Campanozzi - double bass
Paolo Ormas - drums, percussion

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati