Gioacchino Turù Il crollo della stufa centrale 2009 - Lo-Fi, Pop

Il crollo della stufa centrale precedente precedente

Quanto si dovevano divertire Adamo ed Eva prima che il signore nostro iddio dicesse loro che dovevano coprirsi perchè nudi. E' lì che ha origine il male, altro che serpenti e mele. Ascoltare "Il Crollo Della Stufa Centrale" è come planare fino alla finestra dell'appartamento in cui Gioacchino Turù e Vanessa Vermut convivono e spiarli mentre celebrano i loro riti quotidiani come rincorrersi nudi per casa con le forbici in mano per poi accasciarsi sul divano a deridere qualche minuto di TV prima di pensare se farsi o no una doccia e cosa cucinare per cena. Canzoni che sono sboccate filastrocche su basi 8-bit, microsinfonie per barattoli e tastiere giocattolo. Piccoli schizzi visionari. Canzoni d'amore reale che odorano d'ascelle. Grotteschi flashback infantili. Un binocolo sugli umani e i loro patetici drammi amorosi, le sdolcinate perversioni, le merde di lavori che accettano pur di realizzare stereotipati sogni di gloria, la vecchiaia e la morte. Voce sgraziata e strafottente, lui. Tono di fata involontariamente sexy, lei. Forse la coppia più bella del mondo nella loro nevrotica purezza. Nuovi sex symbol dell'underground italiano. Gainsbourg-Bardot in versione gangsta rap. Il videogioco vietato ai minori di due giovani Paoli e Vanoni. Il vero Pop-Porno senza tanti ammiccamenti e balletti. Iperattività cerebrale e insano desiderio di provocare, infastidire, avere un riflettore puntato sulla propria cacca per mostrarla a tutti con orgoglio. Due bambini senza filtri che dicono quello che vedono senza paure con le sole parole che conoscono. Prima che qualcuno dica loro cosa si può dire e cosa no. Cosa sta bene e cosa no. Cosa è bello e cosa è brutto. La poetica dell'indicibile, la vittoria dello e sullo squallore, la completa assenza di qualsiasi vergogna. Perchè siamo tutti corpi soggetti al tempo, coperti di peli e ripieni di sangue. Tutti con le stesse esigenze fisiologiche. Schifarsene è da idioti. Invece, non prendere sul serio le canzoni di Gioacchino e Vanessa, nonostante siano molto divertenti e talvolta a rischio di nonsense, è da veri fessi.

---
La recensione Il crollo della stufa centrale di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-09-29 00:00:00

COMMENTI (9)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • fabriziolascimmia 12 anni Rispondi

    quanto hai ragione!:)

  • seymour 12 anni Rispondi

    egli al tafuzzy ci spaccò assai, di sabato, con nudità

  • minnies 12 anni Rispondi

    gioacchine è un eroe.
    punto e basta.

  • gioacchinoturu 12 anni Rispondi

    grazie altrettanto

  • utente17174 12 anni Rispondi

    GRANNNNNNNNDI!

  • drinktome 12 anni Rispondi

    gioacchino e vanessa sono la speranza italiana


    (Messaggio editato da drinktome il 27/08/2009 15:43:30)

  • shivabakta 12 anni Rispondi

    Mi aggiungo a Iosonouncane. Non riesco a smettere di ascoltare sto delirio di disco.

  • iosonouncane 12 anni Rispondi

    bravissimi

  • pons 12 anni Rispondi

    che schifo di testi!!! :]