23/03/2010

Ritorna la pioggia col suo carico di umidi fallimenti, la consapevolezza è altrove e non so dove, e mi tuffo a tutt'uomo per catturare questo mood in crescendo che sposa i paesaggi oscuri di Ian Curtis e la tensione acuta degli echi infiniti di Robert Smith, l'ipnosi catartica di minuti che si inseguono tra loop e distorsione, passo dopo passo in dispersione elettrowave, con certe morbidezze e soluzioni accattivanti che sanno diventare compiuti tratteggi in china a mano libera, il nero e il porpora dell'ottanta su scie di bianco che conducono forse appena a ieri, batteria netta che produce singoli scrosci d'acqua e incastro puntuale di strutture avvolgenti come pellicola da cucina, il dark che gioca tra le luci dietro le maschere e oltre il passato, che ricorda "Charlotte sometimes" e "Atmosphere" e i gatti grigi o in amore, la gola in fondo a un pozzo o sopra un aquilone, una voce che riesce a prenderti anche se non lo vuoi. "Four steps in your hole" è una meraviglia, passione e cura in tre dimensioni, malinconia di pietra e corpo abbandonato, ma l'intero lavoro merita attenzione per la geometrica bellezza e la sottesa poesia. Una piccola promessa.

---
La recensione Christine Plays Viola - Recensione - Useless to see beyond di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 20/07/2019

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • iggy 23/03/2010 ore 21:37 @iggy

    non credevo di poter ascoltare ancora del dark ben fatto.. sono nato e cresciuto a pane, cure, bauhaus e sisters of mercy e non credevo ci fosse ancora gente in grado di farmelo piacere.
    bravì!
    [:

  • riccardo merolli 24/03/2010 ore 17:57 @lurido

    bello, veramente bello.:[

  • renata maggi 03/04/2010 ore 18:52 @renata

    Gli ho ascoltati dal vivo al birraio di siviglia settimana scorsa !! che dire !! sono fenomenali !! avevano delle maschere tetrissime e un sound che spaccava di brutto ...
    bravi ..

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati