< PRECEDENTE <
album Fondamenta, Strutture, Argini - Gli AltriIn evidenza

recensione Gli Altri Fondamenta, Strutture, Argini

DreaminGorilla Records / Taxi Driver 2013 - Noise, Hardcore, Post-Rock

RECENSIONE
26/03/2013

“Fondamenta, strutture e argini” è un nome bellissimo per un disco, e contiene in sé la perfetta descrizione di ciò che questo album è: una precisa costruzione di geometrie post-rock ampie e spaziose, stratificate su momenti noise che si avviluppano e crescono con forza e propulsione sonora a creare un sound che unisce in sé gli ambienti sonori metal degli Isis e l'oscurità dei Sunn O))).

L'apertura “Oltre il rumore” da spazio a un'interpretazione quasi hardcore della materia sonora, “Il mio solo spazio possibile” si struttura in un crescendo che serra la ritmica a sfociare in “All'orizzonte”, brano in cui le chitarre e la batteria si destreggiano tra momenti densissimi e altri più rarefatti creando un contrasto da contorsione, e il cui testo descrive una Savona disperata, ricca di storia e povera di presente. “06.33” è il primo momento totalmente post-rock, brano strumentale (così come “Istanbul”) tutto atmosfera evocativa alla Explosions in the sky, mentre “Cera” e “La falena” chiosano l'album partendo dalle ampie campiture sonore rese eteree dalle legature delle chitarre usate come archi, per poi esplodere in distorsioni psichedeliche, urlanti nel loro noise disperatamente dissonante, insistenti e taglienti.

La voce sanguina parole sui riff tenaci e incisivi e la sezione ritmica ricca e posata, post-hardcore, come se Emidio Clementi si fosse messo a urlare su una tessitura sonora degli Ornaments, soprattutto nel brano “La falena”, che racconta una storia con la stessa intonazione recitata del leader dei Massimo Volume, e sembra di sentire parlare proprio di uno dei personaggi che popolano le sue storie: “Era inverno, alle 7:30 sorse il sole e dopo una notte insonne alzò lo sguardo. Davanti a lui stava volando leggera ed innocua, accennò un sorriso e capì che era ora di smettere. Non riesce a capacitarsi di come sensazioni quali l'olfatto, l'udito, la vista, siano scomparsi ormai da tempo, e prega che nostro signore se lo porti via”.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (3)
Carica commenti più vecchi
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >