NuovalchimiA Trasmutazioni 2014 - Indie, Alternativo

Trasmutazioni precedente precedente

Dicotomia inconciliabile tra proposta musicale e vocale che per ora non premia

I NuovoalchimiA, pugliesi di nascita e romani d'adozione, sono usciti, dopo due ep alle spalle, con il loro primo album totalmente autoprodotto dal titolo “Trasmutazioni 5”. Il loro sound è un alternative rock energico e ben costruito che però stona con il cantato che ha tutt'altra attitudine, quasi pop. Tecnicamente non ci sono sbavature, sia da parte della sezione ritmica che delle chitarre che della registrazione, ma purtroppo, in questo "Trasmutazioni" c'è una dicotomia di fondo tra la parte strumentale che ha un backgroud musicale molto rock alternativo italiano e un cantante che sembra non aver mai ascoltato nulla di simile. Questo difetto di fondo si nota in tutte e otto le tracce del disco, da “Brain drain” a “Come”, proseguendo con “Paradiso artificiale”, “La tregua”, “Figlio del futuro”, “Plastica” e finendo con “Resta in piedi”.

Per l'intera durata dell'album la voce del cantante appiattisce tutto quello di buono, espresso dai musicisti alle sue spalle. Ad amplificare ancor più tutto quello detto fin'ora ci sono i testi che emergono come un insieme di idee poco originali e messe insieme in modo confuso. Ad esempio quando in “Essenza” sentiamo: “...percorro strade in cerca del mio essere, è l’esistenza che ci rende succubi di desideri e di bisogni effimeri... In ogni cosa cercherò l’essenza, non è solo questione d’apparenza” si toccano temi su cui l'umanità sta discutendo da secoli e li si liquida con rime scontate e banali. I NuovalchimiA devono decidere se fare rock o pop da Sanremo giovani. Questo confusione d'identità per ora non premia.

---
La recensione Trasmutazioni di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-11-03 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • AndreaTarantula 7 anni Rispondi

    Mi scuso per l'errore di battitura.

  • fabrizio.presago 7 anni Rispondi

    Ciao sono Fabrizio , cantante del gruppo. Innanzitutto ti ringrazio per la recensione (anche se il disco si intitola "Trasmutazioni" e non Trasmutazioni 5). Posso dirti che avendo quasi vent'anni di gavetta alle spalle (ne ho 35), sono abituato alle critiche ma non sono pienamente d'accordo con quello che sostieni soprattutto con ciò che concerne i testi. Penso che i temi affrontati nei brani siano molto attuali e diretti scritti in modo semplice, senza paroloni inutili messi a sproposito, credimi, prova a scrivere dei testi in italiano e poi ne riparliamo. ....riguardo l'approccio canoro, invece, è una questione soggettiva, è ovvio che se chi ascolta conosce solo la musica degli ultimi dieci anni, può sembrare non alla moda, ma come dico nei testi a me le mode non interessano, altrimenti avrei fondato una tribute band.