< PRECEDENTE <
album Verso Le Meraviglie - S T A G

recensione S T A G Verso Le Meraviglie

Metatron / INRI 2017 - Elettronico, Alternativo, Pop rock

RECENSIONE
27/03/2017

“Please take me closer to the wonders” (dal brano d’apertura “To the wonders”) è un invito, un inno, una necessità, scritta o cantata, in inglese o in italiano poco importa. L’importante in questo disco (“Verso le meraviglie”) è il percorso che ha come destinazione il mondo delle meraviglie, che poi non è detto che sia un mondo fatto solo di fiori rosa e cielo azzurro, perché comunque mantiene le sue inquietudini e le sue difficoltà (ascoltare “Le mie ombre” per credere), ma la meraviglia, lo stupore è quello che importa, così come la capacità di stupirsi e di lasciarsi sorprendere dalle piccole cose, che poi è un po’ quello che ci manca adesso, dove tutto ci sembra normale e noiosamente ripetitivo.
Insomma, tutta questa introduzione è per dire che l’obiettivo del nuovo disco degli STAG, band pop-rock romana arrivata ormai al suo secondo lavoro, è ambizioso e impegnativo: trasportare in un mondo di meraviglie, svelare segreti e strade nuove, segnare nuove direzioni, stupire. Ci riescono, ma solo in parte, perché nella continua ricerca di identità nei suoni e nelle parole, a volte si perde di vista la meta.

Le anime degli STAG sono diverse: nei suoni e nello stile ci sono infatti influssi del cantautorato italiano più classico, segni di un più puro pop-rock, sprazzi elettronici sparsi qua e là, il tutto inserito in una timida atmosfera quasi-jazz creata dai suoni dei fiati. Tutta questa varietà cerca una sintesi nel corso dei dodici brani che compongono il disco e che scorrono senza annoiare quasi mai, stendendosi accanto a testi alternativamente in italiano e in inglese, scritti dal leader Marco Guazzone, già noto per la sua partecipazione a Sanremo di qualche anno fa.
“Verso le meraviglie” è l’inizio di un viaggio e come tale conserva i difetti degli esordi, di chi ancora deve inquadrare e mettere a fuoco la strada giusta, una, da seguire fino in fondo, su cui sgretolarsi le scarpe e la voce, ma per questo c’è ancora tempo, intanto va bene correre liberi in tutte le direzioni.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani