bromuro E ...Vaffanculo a te 2018 - Pop, Demenziale, Pop rock

E ...Vaffanculo a te precedente precedente

Con il sarcasmo demenziale di una band un po' folle, un disco scanzonato dalle ritmiche rock e pop

Sono bello ma non sono affascinante, guardo l’erba del vicino verde che gli cresce, depurato dalle donne e dalle cosce, con lo sguardo lesto guardo il gatto dopo il pesce, m’annoio m’annoio m’annoio….”. Si apre così l’album dei Bromuro: con il sarcasmo demenziale e la depravata noia di una band un po' folle che ci manda subito a quel paese. All’apparenza sembrerebbe quasi un lavoro di musicisti di primo pelo che sparano scemate per divertirsi, tanto da indurre l’ascoltatore a pensare: “ci sono o ci fanno?”. In verità il gruppo è attivo da diversi anni e compone ritmiche rock, con venature pop e jazz, scanzonate, ariose e divertenti. Ascoltiamo questa manciata di canzoni che non ci cambierà la vita ma ci farà battere il piede dall’inizio alla fine.

L’apertura è affidata all’irriverente “E vaffanculo a te” che sembra riscrivere il concetto dello star bene con sé stessi: la versione di un uomo stanco e che si trascina, ma talmente capace di prendersi in giro da far invidia a tutti quelli che mancano di senso dell’umorismo. “Non sei più tu” è una vignetta sonora intrisa di jazz, in cui passato e presente si confondono alla ricerca di un’identità. L’ “impiegato perfetto” rappresenta quella schematica e ipocrita maniera di sentirsi completi di fronte agli altri, nonostante le nostre incompiutezze; mentre “Mi fai intrippare” è un inno rock alla irresistibile sensualità femminile. Il tutto sempre miscelato da acida demenzialità.

Nulla che voglia cambiare il mondo, si sa; tutt’al più canzonarlo, prenderlo in giro e i Bromuro lo fanno divertendosi.

 

---
La recensione E ...Vaffanculo a te di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-03-23 22:26:57

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • bromuro 2 anni Rispondi

    Egregio/a recensista Buongiorno,
    La ringrazio per aver preso in considerazione
    le canzoncine degli ignobili mentecatti Bromuro
    Fossi stato lei avrei però prima di diffondere queste parole e pensieri
    ilari , divertenti positivi ,sarei stato più attento alla semiologia perversa che si evince
    nei messaggi postsubliminali impliciti di ogni traccia
    E' evidente che lei Egregio/a Maestro/a non abbia voluto dare il giusto peso
    a questa specie di banda da circo come si meritebbe , ovvero classificarli
    come imbecilli disarmonici e non certo dei musicisti capaci cme Lei si è espressa!
    Comunque capisco la sua imparzialità giornalistica buonista
    Grazie !
    Un anonimo della band!