Charlotte Bridge Steps 2019 - Cantautoriale, Pop, Indie

Disco in evidenzaSteps precedente precedente

Nel primo lp con il suo nuovo moniker, Stefania Salvato racchiude le sue esperienze tra dream pop e cantautorato e fa emozionare

Il percorso artistico di Stefania Salvato ha rapito i colori dell’alba con i Talk To Me e le prime esperienze shoegaze, ha virato poi verso un pop intimo e acustico nel 2014, cominciando ad identificarsi con il moniker Charlotte Bridge, e ha ravvivato e accentuato i colori della sua musica raffinata e sognante quando, dopo il trasferimento in Lussemburgo, ha intrecciato la propria sensibilità artistica con quella del musicista e produttore Edwin Aldin dei Natas Loves You, con cui ha dato vita ad un primo album firmato da entrambi e intitolato “Fears, Hopes and Maps”. In seguito Stefania/Charlotte è rimasta legata ad Alvin che ha prodotto il suo omonimo ep solista nel 2016, “Charlotte Bridge”, e ora produce questo “Steps”, primo lavoro sulla lunga distanza di cui dunque non stupisce scoprire già una lucidissima visione d’insieme e l’estrema cura dei dettagli, poiché si tratta di un lavoro che arriva da lontano, frutto di numerose esperienze, e che si pone quindi come un primo passo nella vera maturità artistica e stilistica della cantautrice di origini pugliesi.

Lungo le dieci canzoni che compongono “Steps” si ritrova la dolce malinconia degli episodi precedenti che ora si aggrappa ancora più forte alla liana con cui oscilla lieve tra introspezione e sogno, tra ricordi e pensieri, esprimendosi attraverso la voce leggera ed eterea di Charlotte che viaggia senza fretta nel piccolo cosmo di codici minimalisti delle basi strumentali fatte di synth onirici e di strumenti acustici.

L’introduttiva “Late at night” con la sua inquietudine, la palpitante e pizzicata “Red cross” e la nebbiosa “The fog” sono i momenti più alti che già da soli bastano a fare di questo album un piccolo gioiellino, un lavoro da ascoltare fino in fondo poiché ricco di sfumature e di luci e ombre che si inseguono nella notte ritrovandosi abbracciate al mattino, una conferma della capacità di Charlotte Bridge di emozionare.

 

---
La recensione Steps di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-11-14 19:12:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • salvatomaurizio 2 anni Rispondi

    Bel disco..belle atmosfere e una voce interessante, ma sono di parte ; )