Giunta PRIMA VERA 2020 - Lo-Fi, New-Wave, Elettronica

PRIMA VERA precedente precedente

Questa compilation è una piccola gemma

Questa compilation è una piccola gemma. Basta far partire "Game Boy" per darci ragione. Già perché il mood generale di questa compilation si potrebbe definire come "da tramonto", visto che i pezzi qui contenuti si sposano perfettamente per quel preciso momento, per altro abbastanza magico, della giornata in cui il sole cala e la notte, con le sue stelle, iniziano a fare capolino sulle nostre teste. I ritmi rallentano, le ansie via via scompaiono per fare posto a un po' di relax, a un sospiro di sollievo e, perché no, a qualche risata. E, forse, non è proprio questa la migliore della ricette per la vacanza ideale? Beh, crediamo proprio di non essere smentiti.

E tutto ciò è possibile grazie a un particolare impasto di musica elettronica con influenza di new-wave (anzi nu-wave andrebbe, più correttamente, detto) e un robusto comparto lo-fi che rende il mood ancora più chill di quello che potrebbe essere. C'è anche una vena nostalgica, va detto, in questi quattro pezzi, soprattutto in quello finale, "Sa di primavera" che si mantengono su un buon livello qualitativa. Forse, e qui è l'unico vero difetto della compilation, c'è una certa, esagerata, omogeneità creativa. Tuttavia è, davvero, un difetto venale e di poco conto. Quello che importa è il mood, generale, dell'intera compilation "Prima Vera": davvero "da presa bene". 

---
La recensione PRIMA VERA di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-08-10 08:13:19

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO