< PRECEDENTE <
album Subsonica Subsonica

recensione Subsonica Subsonica

Mescal / Polygram 1997 - Pop

RECENSIONE
10/04/1998 di Alessandro Pollio

Vengono da un territorio turbolento, ma musicalmente intenso come la zona dei Murazzi del Po a Torino, questi cinque ragazzi da centro sociale.

E la realtà che vivono si legge nelle loro canzoni, nel modo di fare musica.

Sarebbe banale dire che questo è uno dei lavori più belli usciti ultimamente, ma è così: i Subsonica sanno miscelare vari generi come se niente fosse, e quello che si ottiene è armonia.

Sono capaci di dirigersi verso quel tipo di musica, quella elettronica, a cui tutto il mondo (e ora anche l'Italia) guarda, ma senza divenire troppo nauseanti.

Riescono a non far pesare l'uso di campionamenti e di effetti elettronici, forse perché miscelati al reggae e all'hip hop con maestria, o forse perché sanno cosa esige il pubblico italiano.

L'album si apre con "Come se" ("dedicato a tutti coloro ingiustamente detenuti in carcere"), ritmi cadenzati, effetti elettronici per poi dar spazio all'incantevole e incantatrice voce di Samuel che spezza la melodia con un riff acidissimo, da brivido.

"Istantanee" è il primo pezzo da cui hanno tirato fuori il video, ed effettivamente è quello che più dà l'idea di com'è il cd: alternarsi di musica elettronica, effetti, melodie hip hop, reggae.

"Non identificato" è un pezzo energico con un bel giro di basso alla James Bond; "Onde quadre" ha notevoli effetti di distorsione e risulta uno dei pezzi più ballabili.

"Radioestensioni" è un tributo all'etere libero con una dedica particolare alle tre radio libere di Torino.

"Cose che non ho", l'altra canzone da cui hanno tratto un video, è quella dove più si sente l'influenza reggae.

In "Preso blu" c'è una denuncia, accompagnata da una base molto dub, di come la diversità diventi, a volte, motivo di sfogo di rabbie e paure ("paura del diverso, paura del possibile, paura che il diverso sarebbe anche possibile").

"Funk star": "...sentirsi come shaft, come umm, come Starsky & Hutch...".

"Velociraptor" è un pezzo che rasenta la techno, la jungle, da frenesia.

In sostanza, se vi è piaciuta "Istantanee" non rimarrete delusi da questo primo lavoro dei Subsonica; se proprio volete delle certezze, andateli a vedere in concerto, perché spesso, oltre che per locali, fanno date in Centri Sociali. CONSIGLIATO.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani