Tecnosospiri Quarta Dimensione 2000 - Cantautoriale, Rock, Indie

precedente precedente

Sono qui per parlarvi della Quarta Dimensione creata dai Tecnosospiri, aspiranti musicisti di Latina, piccolo capoluogo laziale che gia' in passato si era guadagnato la nomea di Seattle del Lazio...

Non e' facile inquadrare il suono che i ragazzi hanno rinchiuso in queste dieci tracce... nonostante l'oscurita' che fa da sfondo a tutti i momenti del CD, i brani propongono incursioni in generi diversi, affrontati in maniera alquanto sfrontata e decisa.

La partenza sembra mettere in mostra una band dalle chiare influenze seventies, con una musica che si sprigiona tetra e rabbiosa da Venerazione per proseguire piu' psichedelica in Odisseo.

In queste prime battute ero convinto di aver ormai capito questa formazione, ma ecco che dallo stereo si diffondono sonorita' piu' dolci, con un titolo degno del miglior Morgan: Vorrei che rinascessero i miei neuroni...

Vado avanti e continuo a rimanere spiazzato perche' i Tecnosospiri non prendono una strada precisa, rimanendo fermi a un incrocio e scegliendo di volta in volta un sentiero diverso, ma senza tentativi di crossover.

Ecco quindi che abbracciano il metal con Tecnosospiri, il rock d'autore con La Nostalgia, l'hardcore con Artemia, il dark rock con Senza Affanno... insomma mi riesce difficile etichettarli e questo da una parte e' sicuramente un pregio, perche' dimostra che questa formazione e' in grado di giostrare senza problemi con sfumature sonore variegate.

Purtroppo saper manipolare stili diversi non sempre significa cogliere nel segno e occore dire che il CD alla fine risulta dispersivo e non consente ai Tecnosospiri di rivendicare una propria personalita', la quale galleggia, senza emergere completamente, nel tentativo di creare atmosfere eterogenee.

Comunque, nonostante qualche riempitivo e alcuni fronzoli inutili, non nascondo che ci sono davvero molti spunti interessanti che, in prospettiva, lasciano intravedere grandi possibilita' per questa band... rimane pero' l'esigenza di darsi una stella polare interiore su cui orientare il proprio talento.

Da rivedere presto.

---
La recensione Quarta Dimensione di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-10-05 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia