Roberto Scippa - Ascolta e Testo Lyrics Piccole rivolte quotidiane

Brano

00:00
 
00:00

Credits Piccole rivolte quotidiane

Roberto Scippa: voci e chitarra acustica
Flavio Pasquetto: chitarre elettriche
Matteo Bultrini: batteria
Fabio Ponta: basso
Matteo Portelli: rhodes
Tommaso Venanzi. violoncello

Testo della canzone

Guarda il caos dentro di te finché si può
è la fine, è l'inizio
Crea mondi che non puoi spiegarti qui
difeso dai tuoi limiti, difeso dai tuoi limi...

Ti addormenti per scoprire quello che
ti ha tolto la lucidità
e il tuo io si riprende quel che può
dal fondo dell'oscurità
dal fondo dell'oscurità

Dentro hai la guerra
anche se non ti piace
Sono piccole rivolte quotidiane
a darti pace
Fuori c'è la guerra
anche se tutto tace
Sono piccole rivolte
che danno al sangue un po' di pace

La libertà è una specie in estinzione
cacciata in ogni spazio-tempo dell'azione
mentre lavori, mangi, mentre fai l'amore
quotidiana è la liberazione,
quotidiana..

Sulla porta mentre esci alle otto e trenta
seduto in casa con la televisione spenta
è dolce e unico sentire un'altra volta
il cuore che esige una svolta
il cuore che chiama rivolta

Dentro hai la guerra
anche se non ti piace
Sono piccole rivolte quotidiane
a darti pace
Davanti ad una banca
di fronte al tuo passato
quante volte ti sei accorto
che c'è qualcosa di sbagliato

In tutti questi gesti
schiavi di un permesso
sono piccole rivolte
che ti hanno fatto più te stesso
Piccoli grandi passi
muovendoti diverso
sono piccole rivolte
che fanno bene all'universo
Sono piccole rivolte
che fanno bene all'universo

Album che contiene Piccole rivolte quotidiane

album Canzoni d'emergenza - Roberto ScippaCanzoni d'emergenza
2015 - Psichedelico, Pop rock, Cantautore Astral Records
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati