R.U.N.I. sono in tre , per anni sono stati in quattro, ma ora sono in tre. Non sanno bene che dire di quel che suonano, se non che usano una batteria, un basso raramente, una chitarra, un sintetizzatore col suo baracchino e delle voci. Gli vien più facile parlare di quello che ascoltano : no-wave, punk, kraut-rock, avanguardia, radio zeta al semaforo per far colpo su qualche ragazza, beat,rock n' roll, elettronica , afro beat, funk , new-wave, techno primi anni 90, house ... Ogni tanto si sentono in un baratro ma più spesso si siedono in un bar, vorrebbero trovare due coriste ballerine che li accompagnino e forse ce la faranno... in genere ce la fannno anche a far chiusura nei posti dove suonano, anche perchè adorano far concerti, in qualsiasi luogo ... un giorno vorrebbero fare una festa per poter riincontrare tutti assieme : Elvisio l'allenatore, Les Choristes sarde, Minuccio , l'amico delle vipere, Zvoran il profugo che parla in esperanto e campa di scommesse ai cavalli, la golf del terrore , il mostro di F. , la Grigia (la vedo), Salvo il macellaio, l'attrice calabrese, l'alpino del traghetto , le ballerine delle sei del mattino allo zk, Padre Pio di Ballarò, Rolando e le sue pene d'amore, Pigna e Prugna, il vincitore del tago fest III,i padri somaschi di cagliari gentili ospiti, l'esercito della salvezza di Roma che gli offrì riparo, l'uomo tigre, sascho che non dorme mai, Fabio di Bari che avrebbe voluto organizzargli la situazione, i travestiti che gentilmente gli compilarono il borderò dopo un concerto, i due studenti che per strada a Pesaro li scambiarono per i Negrita....